MERCOLEDÌ 22 LUGLIO 2015, 16:15, IN TERRIS

PESARO, ISMAELE UCCISO PER GELOSIA. UNO DEI FERMATI VUOLE CONFESSARE

L'avvocato di Igli Meta ha chiesto al pm Lilliu un interrogatorio formale

REDAZIONE
PESARO, ISMAELE UCCISO PER GELOSIA. UNO DEI FERMATI VUOLE CONFESSARE
PESARO, ISMAELE UCCISO PER GELOSIA. UNO DEI FERMATI VUOLE CONFESSARE
Era pronto a fuggire in Albania Igli Meta uno dei due ragazzi fermati per l'omicidio di Ismaele Lulli, il ragazzo di 17 anni di Sant'Angelo in Vado (Pesaro-Urbino). Stava dormendo in macchina e aveva con sé una grossa somma di denaro. Per gli inquirenti sarebbe lui l'esecutore materiale di un delitto che, in conferenza stampa, definiscono "feroce" date le modalità: il ragazzo, infatti, è stato quasi decapitato con un coltello che non è ancora stato trovato ed è morto per la violenta emorragia.

Ora Meta, che avrebbe materialmente ucciso il 17enne di sant'Angelo in Vado, ha agito per gelosia. E ora intende confessarlo. Ad annunciarlo è il suo legale, Salvatore Asole, che ha chiesto al pm Lilliu un interrogatorio formale. "Il ragazzo mi ha pregato di dire che chiede perdono alla famiglia e alla cittadinanza. E ci tiene a dire che da parte sua non c'era nessuna volontà di uccidere. -ha spiegato il legale di Meta - Ha ammesso di aver attirato la vittima ma solo per dargli una lezione, per un motivo passionale. la situazione gli è poi sfuggita di mano".

I due, cittadini albanesi senza precedenti penali, sono stati rintracciati grazie all'esame dei tabulati telefonici, dei social network e sentendo gli amici dei tre giovani, che si frequentavano. Meta e Nema avrebbero incontrato la vittima alla stazione dei bus e lo avrebbero invitato a fare un bagno al fiume. Invito che lui avrebbe accettato senza problemi, salendo sull'auto senza costrizione. Poi l'aggressione nel bosco di San Martino in Selva Nera, una frazione del Comune di Sant'Angelo in Vado. Un poggio circondato da cipressi, luogo ideale per vedere senza essere visti.

Prima un calcio in testa per stordirlo, visto il suo metro e ottanta di altezza, poi il tentativo di legarlo con del nastro da pacchi e, infine, l'omicidio. Poi il cadavere è stato gettato in un dirupo, nella speranza che nessuno lo trovasse. Subito dopo i due giovani sono andati a fare il bagno al fiume liberandosi via via del vario materiale usato per l'omicidio. Nella furia hanno anche portato via una scarpa alla vittima. L'accusa è di omicidio volontario, esclusa per ora la premeditazione. Quando all'sms partito dal cellulare della vitima e inviato alla mamma: 'Cambio vita, non mi cercate', secondo gli inquirenti è improbabile possa essere stato inviato da lui. In casa, infatti, non manca niente e il suo videogioco è ancora acceso.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'esultanza del Milan al termine del match contro il Bologna
CALCIO | SERIE A

Frenano Roma e Napoli, sorride il Milan

Giallorossi e partenopei fermati sullo 0-0 da Chievo e Fiorentina. Primo successo per Gattuso, ok Udinese e Sassuolo
Monsignor Antonio Riboldi
NAPOLI

Addio a monsignor Riboldi, protagonista della lotta alla camorra

Il vescovo emerito di Acerra (Napoli) si è spento all'età di 94 anni
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella
MATTARELLA

"Il rispetto dei diritti umani è il pilastro di una società giusta"

Il messaggio del presidente della Repubblica in occasione della Giornata mondiale per i diritti umani
Il Duomo di Milano
CONCERTO DI NATALE

Arie sacre in Duomo di Milano

In scaletta le più belle "Ave Maria" del reportorio classico
Proteste anti-americane a Beirut
GERUSALEMME CAPITALE

Scontri davanti ambasciata Usa a Beirut

Proteste anche in Svezia e in Indonesia
Spelacchio
NATALE A ROMA

"Spelacchio", l'albero più sbeffeggiato sui social

L'abete di Piazza Venezia è considerato uno dei peggiori che Roma Capitale abbia mai avuto