MERCOLEDÌ 10 GENNAIO 2018, 17:42, IN TERRIS


CASO REGENI

Perquisiti ufficio e casa della sua prof inglese

Il ricercatore italiano fu torturato e ucciso al Cairo nel febbraio 2016

GIACOMO DE SENA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Manifestazione per Giulio Regeni
Manifestazione per Giulio Regeni
P

otrebbe offrire nuovi scenari sul caso Regeni quanto avvenuto nelle scorse ore in Gran Bretagna. Gli inquirenti della Procura di Roma che indagano sulla morte del ricercatore hanno dato avvio a perquisizioni nell'ufficio e nell'abitazione della prof.ssa di Cambridge, Maha Abdel Rahman, tutor di Giulio Regeni, il ricercatore italiano rapito, torturato e ucciso al Cairo nel febbraio del 2016.


Le indagini

Sarebbero stati acquisiti pc, pen-drive, hard disk e cellulare della donna. La perquisizione è stata effettuata dopo l'audizione della docente svolta dal pm Sergio Colaiocco affiancato dagli uomini del Ros e dello Sco e in collaborazione con le autorità del Regno Unito. "I supporti informatici e i documenti acquisiti - spiega una nota diffusa dalla Procura di Roma - saranno utili a fare definitiva chiarezza, in modo univoco ed oggettivo, sul ruolo della professoressa nei fatti di indagine". La docente, si apprende, resta persona informata sui fatti.

Come richiesto nella rogatoria, la polizia locale sta inoltre procedendo all'ascolto degli studenti che, come Regeni, si sono recati per motivi di studio in Egitto tra il 2012 e il 2015. La prof. Rahman finora non ha mai fornito dettagli sulle persone che il ricercatore italiano avrebbe dovuto incontrare al Cairo né sulla documentazione da lui inviata.


La pista britannica dietro l'uccisione?

In molti, fin dalle ore subito successive al ritrovamento del corpo di Regeni, hanno chiesto di far luce sulla sua docente di Cambridge. "Io ve l'ho sempre detto che dietro l'uccisione di Giulio c'era la pista dei britannici", ha dichiarato Abdallah, capo del sindacato autonomo degli ambulanti che ha denunciato Regeni alla National Security egiziana. "La prima volta che mi si presentò Giulio fece il nome della professoressa Abdel Rahman, nota oppositrice del Governo egiziano e sostenitrice dei Fratelli musulmani". "Ho incontrato Giulio diverse volte e gli ho dato una mano a fare le sue ricerche ma quando è venuta fuori la storia dei soldi non me la sono sentita di continuare e quindi ho detto alla polizia ciò che pensavo", ha continuato Abdallah.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Pupi Avati
CINEMA

Ecco “Il signor diavolo” di Pupi Avati

Il regista cattolico trasforma in film il suo libro sulla presenza del male
SPAZIO

Nella Via Lattea fino a 10 milioni di "gemelli" della Terra

Lo ha calcolato l’università della Pennysilvania con i dati del telescopio Kepler. La prossima missione spaziale...
 Alexei Navalny
RUSSIA

Mosca: rilasciato il dissidente Alexei Navalny

Era stato arrestato sotto casa lo scorso 24 luglio
La corona del Rosario

Avere con sé il Rosario non è mai peccato

Un simbolo che esula da ogni connotazione che non abbia a che fare con la fede e la preghiera
TREVISO

Morta dopo aver scelto una chemio non invasiva per partorie

La notizia del tumore al seno durante la gravidanza. Le cure meno forti le consentono di diventare madre, ma muore tre mesi dopo
TASSE

Fino al 25 ottobre è possibile integrare il proprio “730”

Nel caso si sia dimenticata una deduzione o una detrazione, si ricorre al modello integrativo. Per i rimborsi o le compensazioni...