VENERDÌ 17 APRILE 2015, 000:50, IN TERRIS

PADRE IN FUGA CON IL FIGLIO: COSTANZA INDIVIDUATO A CIUDAD REAL

I suoi spostamenti sono stati rivelati dalla carta di credito: l'uomo sarebbe diretto verso il Portogallo

AUTORE OSPITE
PADRE IN FUGA CON IL FIGLIO: COSTANZA INDIVIDUATO A CIUDAD REAL
PADRE IN FUGA CON IL FIGLIO: COSTANZA INDIVIDUATO A CIUDAD REAL
Enzo Costanza, il padre che da martedì è in fuga con il figlio di 15 giorni, è stato individuato ieri pomeriggio a Ciudad Real, nel centro della Spagna. A rivelare i suoi spostamenti sono stati gli accertamenti della sua carta di credito. Si presume che l'uomo stia viaggiando in direzione del Portogallo ma per ora non ci sono novità sulla sua posizione. Intanto, è emersa l'ipotesi che l'uomo abbia pianificato nel dettaglio la sua fuga. Lo rivelano i carabinieri dopo il colloquio avvenuto ieri pomeriggio con la moglie di Enzo Costanza. Secondo quanto ha riferito la donna agli uomini dell'Arma, l'uomo domenica scorsa sarebbe uscito per fare una passeggiata e al suo ritorno ha riferito di essere stato in Francia. Per questo gli inquirenti non escludono che l'uomo possa aver organizzato il percorso, proseguito poi  fino in Spagna, dove è stata rintracciata la sua auto.

Il suo Fiat Freemont di colore grigio è stato ripreso dalle telecamere di sicurezza di un distributore di carburante, dove ha rifornito il mezzo e ha poi pagato con la sua carta di credito. Nell'ingrandimento delle immagini si vede, sul sedile posteriore, l'ovetto verde utilizzato per trasportare il neonato. Poi si perdono di nuovo le tracce dell'uomo nonostante la polizia di mezza Europa sia mobilitata e impegnata per riportare il piccolo dalla sua mamma.

Da martedì il bambino è in viaggio con il padre, un impiegato di 38 anni affetto da alcuni disturbi per cui era in cura dal 2006 presso lo psichiatra Alfonso Matropietro. "Non è mai stato un uomo violento, con il bambino era affettuoso e protettivo. Non so che cosa gli stia passando per la testa", ha detto la mamma del piccolo, Stefania C., ai carabinieri che da Torino coordinano le ricerche, nelle quali sono state coinvolte prima la gendarmeria francese e adesso anche la guardia civil spagnola. "Siamo andati al supermercato di Rivalta - ha detto ai carabinieri - sono entrata per fare un regalo al bambino, mentre Enzo e il piccolo sono rimasti ad aspettarmi in auto, nel parcheggio. Quando sono tornata non c'erano più". "Ultimamente era diventato molto cattolico - hanno dichiarato alcuni conoscenti dell'uomo ai carabinieri - E' possibile che la sua meta sia religiosa...".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau
Paolo Gentiloni e Maria Elena Boschi in una foto d'archivio
BRUXELLES

Gentiloni difende il ministro Boschi

Il premier: "Ha chiarito, sarà candidata Pd"
Il museo Must di Vimercate
MOSTRA

"Il Segno del '900": da Cezanne a Picasso, da Kandinskij a Fontana

Dal 16 dicembre 2017 all'11 marzo 2018 presso il Museo del territorio di Vimercate (MB)
Lo Sferisterio di Macerata
MACERATA OPERA FESTIVAL

Il Mof si tinge di "verde speranza"

Le opere: Flauto magico, Elisir d'Amore e Traviata degli specchi
Maria Elena Boschi

La solita storia

Gran rumore sulla vicenda di Maria Elena Boschi e del suo ‘interesse’ per la Banca Etruria di cui il suo...
Le chiese copte colpite dagli attentati la Domenica delle Palme
TERRORISMO | EGITTO

Timori per il Natale, alta protezione per le chiese

Il governo ha rafforzato le misure di sicurezza davanti a tutti i siti sensibili senza fare distinzioni