Ostia: foto a bimbi in costume, arrestati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:45

Sono finiti in manette arrestati i due indiani, che ieri hanno rischiato il linciaggio in spiaggia a Ostia perché sorpresi da alcuni genitori a fotografare i loro bimbi in costume. Si tratta di due uomini, uno di 36 anni e l'altro di 28 anni, che sono stati arrestati dai carabinieri con le accuse di pornografia minorile e detenzione di materiale pornografico. 

La ricostruzione del fatto

Sulla spiaggia, ieri pomeriggio, i due indiani sono stati notati mentre scattavano foto a bimbi in costume. In particolare sarebbe stata una bambina – secondo i racconti di alcune persone presenti – spaventata da quegli uomini, dalle loro parole o forse da un’azione che potrebbero aver compiuto, a tornare in lacrime in spiaggia, verso i genitori, e a raccontar loro ciò che era accaduto. I due si trovavano nei pressi del tratto di mare antistante i lidi Elmi e Salus, a pochi metri dal pontile pedonale di piazza dei Ravennati. È nata così un'accesa discussione tra i genitori dei bimbi e i due stranieri, che hanno rischiato il linciaggio: sono poi intervenuti i carabinieri, contattati dai gestori di uno stabilimento vicino, che hanno riportato la situazione sotto controllo. I militari hanno trovato nei cellulari delle foto dei bimbi in costume, appena scattate, ma anche immagini e video porno probabilmente con minori. Nei loro confronti è scattato l'arresto e sono ora in corso indagini e approfondimenti.

Il precedente

Uno degli ultimi episodi analoghi sarebbe è avvenuto sul litorale di Rimini. Dove un 61enne con in una mano il cellulare appoggiato all’orecchio, nell’altra una piccola macchina fotografica, con cui avrebbe scattato 220 istantanee a decine di bambine tra i 5 e i 10 anni che stavano giocando o facevano il bagno. L'uomo, recidivo, ha rischiato il linciaggio. Nei suoi confronti è scattata una denuncia per molestie e un foglio di via obbligatorio da Rimini e provincia.  

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.