MERCOLEDÌ 30 OTTOBRE 2019, 17:43, IN TERRIS

IL CASO

Omicidio Sacchi, parla il padre: "Era un bravo ragazzo"

Alfonso Sacchi incontra i giornalisti a Roma "per correggere il tiro sulla dinamica della vicenda"

DM
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Luca Sacchi
Luca Sacchi
C

i sono ancora molti punti oscuri nell'inchiesta sulla morte di Luca Sacchi, il 24enne ucciso a Roma la settimana scorsa in zona Colli Albani, dove si trovava con la sua fidanzata Anastasia. Per la prima volta, all'Appia Park Hotel di Roma, parla il padre di Luca, incontrando i giornalisti "per correggere il tiro sulla dinamica della vicenda e chiarire alcuni aspetti raccontati in modo non corretto", riferendosi ai tanti dubbi che ancora circondano sia le modalità dell'omicidio che la versione della fidanzata del giovane, che attende di essere nuovamente ascoltata dagli inquirenti. Con lui, i due legali della famiglia, Paolo Salice e Armida Decina: "Allo stato non vi sono elementi certi per screditare la versione di Anastasia - ha detto Salice - la quale, peraltro, ha scelto di affidarsi a un altro legale... Al momento dalle carte in nostro possesso non possiamo sbilanciarci sulla posizione della fidanzata di Luca. Attendiamo lo sviluppo delle indagini per far luce il prima possibile su quanto accaduto quella tragica notte".


Un bravo ragazzo

E' la prova più difficile per il papà di Luca, parlare di suo figlio davanti alle telecamere, ripercorrere la vicenda che ha gettato nel dolore la sua famiglia. Un gesto che Alfonso Sacchi ha però ritenuto necessario: "Quella sera a casa Luca mi ha dato un bacio e mi ha detto 'ti voglio bene'. È stata l'ultima volta che l'ho visto... Mio figlio era stupendo e sempre col sorriso, sempre pronto allo scherzo e aveva tanta voglia di vivere. Tutti lo conoscevano per il bravo ragazzo che era. Gli dicevo di non fidarsi e di stare attento anche a suo fratello. Aveva passione per lo sport. Dopo la morte ho indossato anche i suoi indumenti per prendere coraggio". Sui contatti di suo figlio ha spiegato di non aver indagato poiché si fidava di lui: "Luca era uno sportivo e non andava in giro né con la droga né con armi in tasca. Era un salutista. Gli dava fastidio anche che Anastasiya fumasse la sigaretta elettronica e lei aveva smesso di fumare... Il 'contatto' con i pusher, nell'ordinanza indicato come 'conoscenza intima' di Luca Sacchi è un ragazzo che mio figlio conosceva: questa persona l'aveva rivista da 5 o 6 mesi, si conoscevano dai tempi del liceo".


La fidanzata

Per quanto riguarda Anastasia, Alfonso Sacchi ha ammesso di non averla più vista dopo che aveva trascorso una notte da loro: "Anastasia è venuta a casa e io l'ho abbracciata, le ho dato coraggio e abbiamo pianto tutti insieme... Per me è una brava ragazza. Era come una figlia. Penso non c'entri, altrimenti recitava molto bene. Si aggiungerebbe dolore ad altro dolore". Una prudenza confermata anche dai suoi legali: "In alcuni giornali di ieri è apparsa una frase secondo cui per la famiglia Sacchi è immorale difendere Anastasia, sono parole erroneamente intercettate. Quando si parla di lei bisogna camminare con piedi di piombo. Allo stato lei è persona offesa".

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Mario Sossi durante il rapimento
MAGISTRATURA

E' morto il giudice Mario Sossi: fu rapito dalle Br

Pubblico ministero nel processo alla XXII Ottobre: il suo sequestro durò oltre un mese
Il vertice di maggioranza
GOVERNO

Manovra, braccio di ferro sulle microtasse

Frizione Italia Viva-Pd, sospeso il vertice. Bellanova: "Con plastic e sugar tax si rischia il disastro occupazionale"
Pedoni solitari
53° RAPPORTO CENSIS

Italiani sempre più ansiosi e dipendenti da smartphone

Lo scenario politico odierno è affollato da "non decisioni"
Bimba in lacrime al nido
VARESE

Maltratta i bimbi e si apparta col compagno: maestra sospesa

"Guardati, fai schifo", "piangi che così ti passa" sono le frasi rivolte alle piccole vittime del...
Volontarie della croce rossa e personale ospedaliero
SALUTE

Firmato accordo tra Croce rossa e Campus bio-medico

Le crocerossine, con la loro attività di volontariato, supporteranno l’attività infermieristica
Parte del manifesto blasfemo apparso a Bologna

Un'offesa alla Mamma Celeste

A Bologna, una festa universitaria diventa blasfema
Donald Trump
KIEVGATE

Via libera all'impeachment: cosa rischia Trump

L'annuncio della speaker Nancy Pelosi ha mandato su tutte le furie il presidente. Ma c'è lo scoglio del Senato
Concilio Vaticano II

Pietro non fa politica

La tentazione è vecchia di due millenni: cercare di tirare la bianca veste verso una parte,...
Palazzo Chigi
GOVERNO

Manovra, salta l'intesa in Cdm

Ok alla riforma del processo civile ma Italia viva fa muro su sugar e plastic tax. Conte: "L'esecutivo va avanti"
AFRICA

Ecco chi sono le 14 persone rapite dall'Isis

La notizia è stata diffusa dal Site
L'elemosiniere di Sua Santità, Konrad Krajewski, e Andrea Riccardi, fondatore della Comunità di Sant'Egidio, mentre accolgono i 33 profughi provenienti da Lesbo a Roma Fiumicino - Foto © Sir
CHIESA IN USCITA

L'elemosiniere del Papa: "Se aprissimo le nostre parrocchie, a Lesbo non ci sarebbero più profughi"

Parla il cardinale Krajewski, giunto a Fiumicino ad accogliere 33 rifugiati
MILANO

Dramma fuori dalla metro, clochard muore di freddo

L'appello del sindaco Sala ai cittadini: "Invitateli ad andare nei centri"