MERCOLEDÌ 27 MAGGIO 2015, 13:50, IN TERRIS

OMICIDIO MELANIA REA, PAROLISI CONDANNATO A 20 ANNI

L'ex caporalmaggiore dell'Esercito non era presente in aula

AUTORE OSPITE
OMICIDIO MELANIA REA, PAROLISI CONDANNATO A 20 ANNI
OMICIDIO MELANIA REA, PAROLISI CONDANNATO A 20 ANNI
Sono venti anni gli anni di reclusione inflitti a Salvatore Parolisi per l'omicidio della moglie Melania Rea dalla Corte d'Assise d'Appello di Perugia che ha ricalcolato la pena dopo la Cassazione. Per l'ex caporalmaggiore i giudici hanno escluso l'aggravante della crudeltà, ma non concesse le attenuanti.

L'udienza dal contenuto "tecnico" si è svolta a porte chiuse e giudici si sono riuniti per rideterminare al ribasso la pena a 30 anni inflittagli in appello. Parolisi, ex caporalmaggiore dell'Esercito, è in carcere per l'omicidio della moglie, Melania Rea, uccisa il 18 aprile del 2011 con 35 coltellate e il cui corpo venne ritrovato nel boschetto delle Casermette, a Ripe di Civitella del Tronto, in provincia di Teramo.

Parolisi, difeso dai legali Walter Biscotti e Nicodemo Gentile e recluso a Teramo, non era presente in aula, al contrario hanno partecipato all'udienza il padre e il fratello di Melania, Gennaro e Michele Rea, accompagnati dal loro legale di parte civile, Mauro Gionni. Nelle oltre 100 pagine di motivazioni della sentenza, la prima sezione penale riconosce Salvatore Parolisi come unico responsabile del delitto, maturato in una "esplosione di ira ricollegabile a un litigio tra i due coniugi".

Le ragioni fondanti del litigio, aggiunge la Suprema Corte nelle motivazioni "si apprezzano nella conclamata infedeltà coniugale" di Parolisi. Il "fatto delittuoso", sottolineano i supremi giudici, "si inserisce nel contesto di una giornata 'apparentemente normale', i due coniugi erano attesi di lì a poco a casa di amici", la figlia "era con loro" e "non è risultato alcun particolare contatto, nella fascia oraria immediatamente precedente, con ulteriori soggetti o terzi tale da far ipotizzare ulteriori e anomali appuntamenti". La ricostruzione operata dagli inquirenti "colloca Parolisi sul luogo del delitto e costruisce il delitto stesso in termini di occasionalità" ossia legato al "dolo d'impeto" e non alla "premeditazione". Per i giudici "la mera reiterazione dei colpi", anche se "consistente", non può essere ritenuta "fonte di aggravamento di pena", in relazione all'aggravante dell'aver agito con crudeltà.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il museo Must di Vimercate
MOSTRA

"Il Segno del '900": da Cezanne a Picasso, da Kandinskij a Fontana

Dal 16 dicembre 2017 all'11 marzo 2018 presso il Museo del territorio di Vimercate (MB)
Lo Sferisterio di Macerata
MACERATA OPERA FESTIVAL

Il Mof si tinge di "verde speranza"

Le opere: Flauto magico, Elisir d'Amore e Traviata degli specchi
Il luogo dell'esplosione
PRATI

Molotov contro un commissariato Ps

La bottiglia incendiaria ha colpito un vecchio furgone della polizia. Indagini in corso
INDONESIA

Sisma di 6.5 a Giava: morti e crolli

L'epicentro a 92 km dalla superficie: panico e gente in strada. Non è ancora chiara l'entità dei danni
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
Cristiani perseguitati
GERMANIA

Cattolici e protestanti contro i nazionalismi

Presentato a Berlino il rapporto ecumenico sulla libertà religiosa dei cristiani nel mondo