Olanda, ad Hommerts centinaia di topi morti: ipotesi suicidio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:28

Se non ci fossero delle testimonianze, delle immagini e alcuni articoli della stampa difficilmente si potrebbe credere a quanto sta accadendo in un paesino dei Paesi Bassi, per la precisione ad Hommerts. Dove lungo la pista ciclabile cittadina giacciono circa 500 topi senza vita.

La ricostruzione della vicenda

Se l'assurdo fenomeno non dovesse arrestarsi, a breve il numero di topi deceduti supererà quello degli abitanti del paese che conta 700 anime. Nel frattempo gli esperti e non si stanno interrogando su cosa abbia originato la morìa dei roditori. Questi topi, basandosi sulle testimonianze locali, si sarebbero tutti suicidati gettandosi dal ponte dell'acquedotto che sovrasta la pista ciclabile. Tra le ipotesi avanzate dagli esperti, in merito a questo strano suicidio di massa, quelle che puntano il dito su alcuni fertilizzanti usati nei terreni circostanti o l'allagamento di alcune aree agricole. Tesi, per il momento, tutte da confermare di un caso che, ad oggi, rimane avvolto nel mistero. 

I precedenti 

Qualche mese fa un caso molto simile è avvenuto in Italia, lungo le strade del Cesenate. Dove centinaia di topi bianchi sono stati investiti e uccisi dagli abitanti della zona. La maggior parte dei roditori è stata rinvenuta in località Gattolino. Sulla strana vicenda sono intervenuti anche i vigili del fuoco: “Non avevamo mai visto uno scenario del genere. È probabile che in questa zona si sia formata in breve tempo una grande e numerosa colonia di topi, che hanno trovato riparo e cibo a volontà in una piccionaia dismessa. Quando siamo arrivati la strada era invasa dai roditori. Abbiamo pulito, eseguito un lavaggio stradale e rimosso le carcasse dei grossi topi morti investiti che sono più di cento e presumibilmente dovranno essere esaminate dall’Ausl”. Infine non bisogna dimenticare il caso di Castellamare di Stabia, dove i roditori morti sono stati ritrovati lungo il litorale. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.