GIOVEDÌ 13 AGOSTO 2015, 000:54, IN TERRIS

NUBIFRAGIO IN CALABRIA: CORIGLIANO CALABRO E ROSSANO IN GINOCCHIO, MA NESSUNA VITTIMA

Il presidente della Regione Oliviero chiederà lo stato di emergenza

REDAZIONE
NUBIFRAGIO IN CALABRIA: CORIGLIANO CALABRO E ROSSANO IN GINOCCHIO, MA NESSUNA VITTIMA
NUBIFRAGIO IN CALABRIA: CORIGLIANO CALABRO E ROSSANO IN GINOCCHIO, MA NESSUNA VITTIMA
Duecento millilitri di pioggia concentrati in poche ore, una vera e propria "bomba d'acqua" che ha fatto ingrossare e straripare il torrente Citrea, allagato strade e negozi e causando danni in una lunga fascia della costa ionica cosentina, in particolare Corigliano Calabro e Rossano. Auto sollevate, vicoli e strade trasformate in torrenti e fango ovunque. A causare i danni maggiori, concentrati nella zona marina di Rossano, è stato il torrente Citrea che, ingrossato dall'enorme volume di pioggia caduta, ha frantumato una quindicina di metri del muro di contenimento invadendo strade e case e portando con sé, nel mare Ionio, un pezzo di lungomare.

Il nubifragio ha fatto il resto: strade franate o allagate, disagi alla circolazione, il blocco della linea ferroviaria Sibari-Crotone, ed il black out elettrico per 10 mila persone (scese a 1800 in serata) con le cabine Enel invase dall'acqua. Un bilancio drammatico, ma, fortunatamente, solo per i danni alle cose. Nonostante nella mattinata si parlasse di decine di dispersi, in realtà non si registrano vittime né feriti gravi e nessun disperso.

La conta dei danni, a Rossano, e' ancora da fare, ma di certo 500 persone, tra residenti e turisti, sono stati evacuati da abitazioni, hotel e campeggi e ospitati in centri allestiti in strutture sportive della città dove sono state montate anche cucine da campo. Sul posto hanno operato Vigili del fuoco, Polizia, Carabinieri, Guardia di finanza, Guardia costiera, Corpo forestale, Consorzi di bonifica e la protezione civile. I primi interventi sono stati dedicati al salvataggio delle persone, poi al ripristino dei servizi principali.

Sul posto si è recato anche il presidente della Regione Mario Oliverio, rimasto in stretto contatto col premier Matteo Renzi. "Lo ringrazio - ha detto il governatore - è stato tra i primi a interessarsi ed a contattarmi manifestando vicinanza alla popolazione e la disponibilità ed il sostegno del governo. La popolazione è in ginocchio ma vuole reagire". Oliverio ha già annunciato che chiederà lo stato di emergenza.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
INDONESIA

Sisma di 6.5 a Giava: morti e crolli

L'epicentro a 92 km dalla superficie: panico e gente in strada. Non è ancora chiara l'entità dei danni
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
La Suprema Corte australiana
AUSTRALIA

Rapporto sulla pedofilia, "una tragedia nazionale"

Presentate 409 raccomandazioni tra cui quella di rivedere il segreto della confessione e il celibato dei preti
Joe Biden
AUDIZIONI AL COPASIR

"Nessuna ingerenza russa": 007 italiani smentiscono Biden

L'ex vicepresidente Usa parlava di interferenze nella campagna per il referendum costituzionale
Assemblea regionale siciliana
PRESIDENZIALI ARS

Deficit di un voto, Micciché sfiora la nomina

Doppia fumata nera: rinviata a domani l'elezione del presidente dell'Assemblea siciliana
Calcio, Italia vs Spagna
MONDIALI RUSSIA 2018

Fuori la Spagna, dentro l'Italia

Per la Fifa le ingerenze del governo spagnolo possono essere sanzionate con l'esclusione della Roja dalla fase finale del...