Nubifragi in Val Ferret, turista ucciso da una frana

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:21

Situazione grave nel nord-ovest della Penisola, dove continuano a imperversare violenti temporali. Particolarmente grave il quadro nei pressi della cittadina di Courmayeur, in Valle d'Aosta, dove un turista milanese è rimasto ucciso a seguito di una delle tante frane che hanno interessato la Val Ferret. Una zona che, negli ultimi giorni, è stata sferzata da violenti nubifragi che hanno causato ingenti danni alle cittadine e provocato il distaccamento di alcuni costoni delle montagne che circondano la valle. La vittima pare sia stata investita con la sua auto da una valanga di fango, finendo sommerso dai detriti assieme a sua moglie. L'uomo è stato recuperato dopo alcune ore di ricerca, mentre la sua consorte resta tuttora dispersa.

Evacuazioni

Numerose le persone evacuate nella zona di Courmayeur, con l'amministrazione comunale, supportata dalla Protezione civile, che ha allestito un centro di prima accoglienza per tutti gli interessati dalle operazioni di sgombero dalle abitazioni pericolanti, predisponendo a rifugio notturno il locale Palazzetto dello Sport di Dolonne (al momento 21 le persone radunate all'interno). Un'altra area adibita a ricovero è stato il Golf Club, dove si sono dirette un altro centinaio di persone. La situazione al momento sembra sotto controllo, come dichiarato anche dal Comune della cittadina valdostana ma, nei prossimi giorni, è prevista una nuova perturbazione.

Allerta massima

Particolarmente grave la situazione in Val Ferret dove, assieme alla frana che ha travolto e ucciso il turista milanese, se ne è distaccata un'altra, causando fortunatamente meno danni. Lo smottamento di Planpincieux, invece, ha provocato l'esondazione di un torrente, improvvisamente ingrossato da una quantità abnorme di materiale che, in breve, ha provocato l'inondazione e la vittima. Recuperati, invece, alcuni escursionisti che erano stati sorpresi dal maltempo, salvati dall'intervento del Soccorso alpino. L'allerta è comunque ancora massima in Valle d'Aosta, dove sono attese ulteriori piogge e alcune strade restano chiuse al traffico per impraticabilità dovuta alle esondazioni.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.