Nido domiciliare da incubo: arrestata educatrice

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:15

Un nuovo caso di maltrattamento verso bimbi piccoli è stato scoperto dai Carabinieri di Siena. Una sedicente educatrice è stata arrestata con l'accusa di maltrattamenti a familiari e conviventi. La donna, separata e con due figli maggiorenni, che è risultata con precedenti penali specifici per maltrattamenti in famiglia, aveva organizzato nella sua ampia casa un nido domiciliare che era frequentato da sei bambini da 6 mesi a 3 anni i cui genitori pagavano una retta di 600 euro mensili.

Le immagini

Le indagini, come spesso accade in questi casi, sono partite dalla denuncia di due mamme e di una ex collaboratrice della donna. I militari, anche grazie all'apporto di telecamere e intercettazioni ambientali, hanno consentito di ricostruire “numerosi episodi consistenti in condotte violente, quali strattonamenti, percosse”, anche con piccole lesioni procurate ai bimbi, “alimentazione coattiva attraverso pressioni sullo sterno o occlusione del naso per imporre l'apertura della bocca, urla continue e insulti”.

I carabinieri, coordinati dal pm Silvia Benetti, sono intervenuti due giorni fa dopo che la 52enne aveva messo una bimba sul passeggino in terrazzo. I pianti della piccola e le urla della donna hanno richiamato l'attenzione dei passanti che hanno chiamato le forze dell'ordine, intervenute in tempi rapidi. La donna è stata portata nel carcere di Sollicciano a Firenze e – dopo la convalida – è stata messa ai domiciliari. Durante le perquisizioni, i militari hanno anche rinvenuto e sequestrato una fascia elastica artigianale che la donna sembra usasse per immobilizzare i bimbi. I militari del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Siena stanno ora verificando la regolarità amministrativa del 'nido domiciliarè per accertare se la struttura allestita era stata autorizzata dalle autorità competenti.

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.