DOMENICA 24 MARZO 2019, 12:21, IN TERRIS


NORVEGIA

La Viking Sky attracca a Molde

Incubo finito: tutti in salvo i 1300 passeggeri, 460 evacuati con gli elicotteri

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
La Viking Sky in balia delle onde
La Viking Sky in balia delle onde
S

ono stati riaccesi quasi tutti i motori della Viking Sky, la nave da crociera bloccata due miglia e mezzo al largo della Norvegia in balia della tempesta, e si è diretta al porto di Molde (circa 80 chilometri di distanza) dopo essere stata agganciata da due rimorchiatori, attraccando qualche ora dopo chiudendo un'esperienza che avrebbe potuto rivelarsi decisamente tragica. A terra c'erano sono già 460 persone sulle 1300 a bordo, recuperate dagli elicotteri, 17 delle quali ricoverate in ospedale. Le operazioni sono state interrotte su richiesta del capitano che, dopo l'agganciamento con le pilota, ha fatto girare la nave e ripreso la navigazione verso terra con la guida di un rimorchiatore atlantico. Per un'intera giornata la Viking Sky è rimasta in balia delle onde, alte fino a 9 metri, le quali l'hanno fatta inclinare in modo spaventoso.


Ore drammatiche

Non ci sono feriti a bordo ma l'esperienza è stata davvero drammatica per i 1300 passeggeri, costretti a bordo su una nave che, via via, andava sempre più inclinandosi sulla superficie dell'oceano, in preda a correnti fortissime e con il rischio concreto di affondare qualora la tempesta fosse peggiorata anche di poco. Nei filmati amatoriali girati a bordo si vedono chiaramente oggetti, vasi, pianoforti e poltrone rotolare lungo i saloni, pezzi di legno staccarsi e precipitare dai piani superiori, scatenando il panico fra i passeggeri. L'allarme era stato lanciato tramite mayday nella giornata di ieri, quando l'impatto fortissimo delle onde aveva mandato in avaria tre motori su quattro, lasciando le 42 mila tonnellate della nave a essere governate da una sola ventola, rendendo di fatto impossibile tenerla in assetto. La Viking Sky era partita da Tromso e si stava dirigendo a Stavanger quando, percorrendo il tratto di mare al largo di Hustadvika, era rimasta in balia della tempesta. Il tratto di mare corrispondente alle acque al largo della contea di Ramsdal è ritenuto pericoloso proprio per via della forte esposizione ai mutamenti dei venti e del conseguente maltempo.


I soccorsi

Dopo l'allarme, i soccorsi erano scattati immeditamente con cinque elicotteri della Guardia Costiera che hanno raggiunto la Viking e iniziato l'evacuazione dei passeggeri. Un compito tutt'altro che facile: i forti venti e l'ondeggiamento della nave hanno impedito ai piloti di atterrare sul ponte, vedendosi costretti a recuperare le persone attraverso verricelli con cavi d'acciaio, potendone portare via solo 10-15 per volta. A rendere ancora più delicate le operazioni, anche l'età avanzata di molti passeggeri, i quali hanno avuto bisogno dell'assistenza dei militari per riuscire a essere issati a bordo.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Teste di cuoio
LOURDES

L'ex militare si arrende alla polizia

L'unica ferita è l'ex compagna dell'uomo: raggiunta da un colpo di arma da fuoco
L'Ilva di Taranto
ILVA

Si dimettono i commissari straordinari

Lettera recapitata al Mise. Di Maio: "Grazie per il lavoro svolto, inizia fase due"
Luigi Di Maio
25 APRILE

Di Maio attacca: "Chi lo nega era anche a Verona"

Il vicepremier critico: "Coloro che negano la festa della Liberazione passeggiavano con gli antiabortisti"
Simbolo Eurostat
COMUNITÀ EUROPEA

Eurostat: debito in crescita nel 2018

Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017
Armando Siri
IL CASO

Siri, Salvini: "Giudici facciano in fretta"

Il vicepremier: "Si è colpevoli solo con condanna". Morra: "Intollerabile presenza nel governo"
Coltello
ROMA

Gli vede il crocifisso al collo, tenta di sgozzarlo

Il fatto alla vigilia di Pasqua vicino la stazione Termini. Marocchino l'aggressore