Morto Lee Iacocca, padre della Mustang

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:31

E'morto Lido Anthony Iacocca, noto come “Lee”, la leggenda dell'industria automobilistica americana. Aveva 94 anni.

Padre della Mustang

Figlio di immigrai italiani, per decenni è stato l'uomo più potente di Detroit, capitale dell'auto americana. Nacque ad Allentown (Pennsylvania) da Nicola Iacocca e Antonietta Perrotta, immigrati originari di San Marco dei Cavoti che si erano stabiliti nel comprensorio delle acciaierie della Pennsylvania e avevano aperto il ristorante “Yocco's Hot Dogs”. Iacocca si diplomò presso la Allentown High School (oggi William Allen High School) nel 1942 e si laureò in ingegneria industriale alla Lehigh University, nella vicina Bethlehem. Dopo la laurea alla Lehigh, vinse la borsa di studio Wallace Memorial Fellowship e fu ammesso alla Princeton University, dove scelse politica e materie plastiche. Quindi iniziò la sua carriera alla Ford come ingegnere. Insoddisfatto del suo lavoro, cambiò ruolo in Ford ed entrò nel settore commerciale. Ebbe notevole successo nelle vendite e fece una rapida carriera in Ford, dove approdò allo sviluppo prodotto. Divenne presidente di Ford alla fine degli anni '70. Il suo nome è legato ad alcuni modelli di auto iconici come la Ford Mustang, di cui viene considerato il padre. Prodotta dalla casa automobilistica statunitense Ford dal 1964, si tratta di uno dei prodotti più venduti dell'industria automobilistica mondiale, imitata da molti costruttori e tuttora in produzione. La Ford continua a vendere circa 150.000 Mustang all'anno. Negli anni '80 Lee divenne amministratore delegato e presidente del consiglio di amministrazione della Chrysler, che salvò dalla bancarotta. Fu lui a lanciare sul mercato i primi monovolume e minivan.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.