Morte in Laguna

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:13

Tragedia al Lido di Venezia. Un motoscafo, che secondo le prime ricostruzioni stava viaggiando a velocità velocità, ha travolto una barca di pescatori provocando la morte di due di loro. Si tratta di due 69 enni, entrambi residenti nel calle veneziano di Castello. L'incidente è avvenuto verso le 23 e 30 di ieri sera all'altezza della zona di Sant'Andrea San Nicoletto del Lido. Sul luogo sono giunti i soccorsi dei vigili del fuoco e del reparto sommozzatori. Le quattro persone che viaggiavano sul motoscafo, dopo essere stato medicate, sono state interrogate dagli inquirenti e sottoposte all'alcoltest. Per ora sono stati rilasciati ma l'autorità giudiziaria ha aperto un'inchiesta.

La dinamica

A bordo del motoscafo viaggiavano due coppie di ragazzi, poco più che ventenni. L'impatto è stato violentissimo ed ha sbalzato uno dei pescatori fuori dall'imbarcazione, tant'è che il suo corpo è stato ritrovato soltanto dopo più di un'ora dall'arrivo degli operatori sanitari e delle forze dell'ordine. A nulla è valsa, sia per lui che per il suo amico, la corsa in idroambulanza al vicino ospedale “Santi Giovanni e Paolo”. I due mezzi sono stati sequestrati e condotti al cantiere della Marina militare situato nella zona dell'Arsenale. Sono ora a disposizione degli inquirenti per ricostruire precisamente le dinamiche ed accertare le responsabilità dell'accaduto. 

Le vittime

Non c'è stato scampo per Renzo Rossi e Natalino Gavagnin, i due pescatori abitanti nel quartiere di Castello, nel pieno centro storico veneziano. Troppo violento l'impatto tra le due imbarcazioni. Dai primi rilievi, sembrerebbe che il barchino su cui viaggiavano le due vittime era fermo nella zona della Bocca di porto del Lido quando sarebbe sopraggiunto a velocità troppo sostenuta il motoscafo occupato dai quattro ragazzi. Impossibile per loro riuscire ad evitare lo scontro.

Sicurezza nelle acque

Da tempo la polizia lagunare rivolge appelli ai giovani residenti affinchè ci sia un maggior rispetto delle norme di sicurezza nell'ambito della navigazione. Nel dicembre scorso la tragedia era stata solo sfiorata quando un barchino con a bordo un gruppo di ragazzi di ritorno da una festa di 18 anni si era capovolto non reggendo il peso degli occupanti. In quel caso, i giovani erano stati tratti in salvo dall'arrivo del motoscafo di altri amici che, accorgendosi dell'incidente, era tornato indietro a prestare soccorso.

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.