Minacce in strada a mano armata

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:25

Un episodio incredibile quello accaduto ieri pomeriggio in Barriera di Milano, nella zona di Piazza Montanaro: un uomo successivamente identificato come un 38enne, ripreso da alcune persone con un telefonino, ha fermato la sua auto in mezzo alla strada, scendendo poi con la pistola in pugno per minacciare qualcuno che, nelle immagini, non viene mai inquadrato. I testimoni hanno riferito che l'uomo si stesse rivolgendo a una persona di colore, alla quale ha rivolto la frase: “Ti ammazzo come un cane”. In molti, spiegano i media locali, hanno visto la scena e notato l'individuo che dapprima ha inveito contro l'altro dalla vettura poi, dopo essere sceso, ha impugnato l'arma continuando a minacciarlo e a insultarlo con parole pesanti.

Il fermo dell'uomo

La zona in questione è nota per essere frequentata da molte persone coinvolte nel giro di spaccio di stupefacenti. Poco dopo l'accaduto, l'uomo è stato rintracciato dalle Forze dell'ordine (giunte sul posto quando si era già allontanato in auto) e denunciato per minacce e porto di oggetti atti a offendere. L'arma con la quale ha minacciato il rivale è stata sequestrata e, a quanto pare, si tratterebbe di una pistola ad aria compressa, meno letale di un'arma tradizionale ma comunque estremamente pericolosa e, al momento, sotto sequestro da parte della Polizia.

Video online

Le Forze dell'ordine sono state allertate dai residenti, richiamati dalle urla dell'uomo e spaventati dall'apparizione dell'arma che, inizialmente, si riteneva essere una pistola a tutti gli effetti. Successivamente, prima di risalire in auto, pare che l'uomo sia stato avvicinato da un'altra persona, di colore, con la quale ha conversato per pochi secondi in modo tranquillo prima di allontanarsi a bordo della sua vettura. Il video che lo riprendeva intento a minacciare il suo precedente, e tuttora ignoto, interlocutore era già stato messo in rete e diventato virale in pochissimo tempo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.