VENERDÌ 12 LUGLIO 2019, 11:18, IN TERRIS

EMERGENZA MEDITERRANEO

Migranti: recuperati 38 corpi a largo di Tunisi

Il fondatore di In Terris, Don Aldo Buonaiuto, denuncia: "Un orrore quotidiano che rischia di diventare ordinario"

MARCO GRIECO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Alcuni migranti scampati al naufragio a largo delle coste tunisine il 3 luglio 2019 - © Foto Reuters
Alcuni migranti scampati al naufragio a largo delle coste tunisine il 3 luglio 2019 - © Foto Reuters
S

ono stati recuperati poche ore fa dalla Marina tunisina i corpi di altri 38 migranti che si trovavano a bordo dell'imbarcazione naufragata una settimana fa al largo delle coste del Paese africano. A renderlo noto è stato il responsabile della Croce Rossa nella provincia tunisina di Medenine, Mongi Slim, che ha, così, aggiornato il drammatico bilancio delle vittime del naufragio, 58 in tutto: "Un bilancio destinato ad aumentare, mentre le operazioni di ricerca continuano" ha detto Slim.


Il naufragio

Il 3 luglio a largo delle coste tunisine, non lontano dalla località di Zarzis, un'imbarcazione con almeno 80 persone è andata dispersa a seguito di un naufragio. Nelle ore susseguenti, già Alarm Phone, un call center per i migranti organizzato da una coalizione di attivisti internazionali, aveva dato via social l'allarme. Nel giro di poche ore il barcone, diretto probabilmente veros le coste italiane, è calato a picco nelle acque del Mediterraneo. Secondo il pescatore tunisino Chamseddine Marzoug, che è anche volontario della Mezzaluna rossa tunisina, il bilancio dell'incidente è stato tragico: "Solo cinque persone sono sopravvissute al naufragio, mentre oltre 80 sono disperse", ha specificato subito dopo l'incidente. La stessa associazione Alarm Phone aveva comunicato di essere al corrente che i superstiti al naufragio erano cinque ed erano stati tratti in salvo dalle autorità tunisine per il ricovero.

Nel tragitto verso l'ospedale, uno di loro è morto a causa delle ferite riportate: "I cinque sopravvissuti sono stati  portati a Zarzis dalla Marina tunisina. Chamseddine Marzoug ci ha appena informato che uno di loro è appena morto in ospedale. Siamo scioccati da questi continui annegamenti di massa in mare. Esprimiamo le nostre sentite condoglianze a  tutte le famiglie delle vittime ed esprimiamo la nostra piena solidarietà a tutti coloro che cercano la libertà" ha sottolineato l'organizzazione in una nota.


L'appello a non dimenticare

"Il cuore sanguina di fronte a queste notizie" ha commentato ad AgenSIR il direttore di In Terrisdon Aldo Buonaiuto, mettendo in guardia da un "orrore quotidiano che rischia di diventare ordinario". Parlando dei 38 corpi recuperati, il sacerdote della Comunità Papa Giovanni XXIII ha denunciato il rischio che si arrivi all'ennesimo "numero che si perde in una somma". Partendo da quest'amara constatazione, don Aldo Bonaiuto ha fatto appello a tutte le istituzioni affinché venga istituita la Giornata del migrante ignoto: "Credo siano migliaia e migliaia le persone senza un nome e senza un volto sepolti o dispersi negli abissi del mare o nei deserti. Persone invisibili, che non riemergeranno dall’oblio. Non possiamo dimenticarli. Nasce da qui il mio desiderio di istituire una Giornata per non dimenticare tanti e tanti sconosciuti agli uomini, non certo a Dio. Una richiesta che ho inoltrato a tutti coloro che cooperano sul fronte dell’accoglienza, dall’Onu, all’Europa, dalla Santa Sede al Governo italiano" ha detto il prelato ad AgenSIR

È possibile firmare la petizione su www.change.org

 

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La foreign fighter italiana condannata
TERRORISMO

Condannata una foreign fighter italiana

Oggi la Turchia ha iniziato le espulsioni dei miliziani jihaadisti rinchiusi nelle sue prigioni: sono 1.200
Padre Hovsep Petoyan, ucciso in Siria dai miliziani dell'is - Foto © Public Radio of Armenia
SIRIA

Sacerdote cattolico armeno ucciso dai miliziani isis

Morto anche il padre della vittima. La paura di un ritorno del califfato
L'attore LeVar Burton interpreta Kunta Kinte nella prima serie tv
RIEVOCAZIONE

Quando la tv era antidoto al razzismo

Il 40° anniversario della serie televisiva “Radici, le nuove generazioni” e l’esigenza di un impegno etico...
Una scena della vita di San Martino a fumetti, realizzata da Mabel Morri nella Chiesa di San Martino in Riparotta di Viserba Monte, alle porte di Rimini
SANTO DEL GIORNO

San Martino riporta il fumetto in chiesa

A Rimini, l'artista Mabel Morri ripercorre la vita di uno fra i santi più popolari
Polizia di Stato
AOSTA

Sgominata banda di passeur: 6 arresti

L'operazione, coordinata dalla Dda di Torino, è stata denominata "Connecting Europe"
Operatore sanitario Cuamm
MEDICI CON L'AFRICA CUAMM

Gentiloni, Africa: "40 miliardi dalla Ue nei prossimi 7 anni"

Del Re: "Bisogna costruire insieme l’Africa del futuro dove ogni persona conta"
Vigili del fuoco australiani all'opera
AUSTRALIA

Incendi: dichiarato lo stato di pericolo "catastrofico"

I roghi interessano più Stati: tre persone sono morte e molte altre risultano disperse
Luiz Inacio Lula da Silva

L’esperienza di Lula, un avvertimento per i democratici

L'esperienza amara di Luiz Inacio Lula da Silva, ex presidente della Repubblica brasiliana, credo che debba essere...
Il presidente della Cei mons. Gualtiero Bassetti
COOPERAZIONE

Bassetti: “La Chiesa dialoga con tutti, non alza steccati”

Il presidente della Cei ribadisce che l’episcopato “non sostiene maggioranze né fa opposizione”
SERIE A

La Roma cade a Parma: Cagliari e Lazio terze

I giallorossi affondano sotto i colpi di Sprocati e Cornelius. Vincono sardi e biancocelesti, successo anche per la Juve
Evo Morales
SUD AMERICA

Caos in Bolivia, Morales si dimette

Il presidente denuncia azioni di "gruppi violenti e irregolari" ma cede alla pressione dell'esercito
Pedro Sanchez
ELEZIONI

Il Psoe vince ma non basta: Spagna senza maggioranza

Socialisti primo partito, scende Podemos. Exploit di Vox e della destra