LUNEDÌ 03 AGOSTO 2015, 17:15, IN TERRIS

MESSICO: FOTOREPORTER UCCISO INSIEME A 4 DONNE

Migliaia di persone sono scese in piazza contro le istituzioni, in favore della libertà di stampa

AUTORE OSPITE
MESSICO: FOTOREPORTER UCCISO INSIEME A 4 DONNE
MESSICO: FOTOREPORTER UCCISO INSIEME A 4 DONNE
È Ruben Espinosa una delle cinque persone trovate morte venerdì in un quartiere di Città del Messico. Lo ha confermato oggi il procuratore della città, Rodolfo Rios. Epinosa è un fotoreporter che solo un mese fa aveva affermato, in alcune interviste, di sentirsi minacciato dal governatore dello stato orientale di Veracruz. Le altre vittime trovate sono quattro donne, lui è l’unico uomo ed è stato trovato dalla polizia legato e colpito alla testa nella zona di Narvate Espi della capitale.

Secondo un’associazione che si batte per la libertà di stampa, il fotoreporter è stato torturato prima della morte. Presenta infatti gravi ferite sul volto, inferte prima che fosse freddato con due colpi di pistola alla testa. A riconoscerlo sono stati i suoi familiari.

Anche le donne uccise hanno segni di tortura e di violenza sessuale. Espinosa lavorava per il giornale investigativo Proceso e per altri media. Aveva lasciato Xalapa, la capitale di Veracruz a giugno, dopo aver subito diverse minacce. Il procuratore di città del Messico, Rodolfo Rios, ha detto in conferenza stampa che risiedeva da due mesi nella capitale, e stava cercando lavoro dopo otto anni vissuti a Veracruz. “Tutte le piste d’indagine sono aperte”, ha detto Rios, che ha aggiunto che la divisione dell’ufficio del procuratore generale federale per i delitti contro la libertà d’espressione sta collaborando alle indagini. Veracruz è sempre più uno Stato pericoloso per i cronisti. Sono 11 i giornalisti uccisi dal 2010, durante l'amministrazione del governatore Javier Duarte: l'ultimo solo un mese fa.

Migliaia di persone sono scese per le strade delle maggiori città del Messico per protestare contro l’ennesimo omicidio di un giornalista. I manifestanti puntano il dito contro l’immobilismo e il silenzio delle istituzioni difronte alla situazione.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...
prostitute
PROSTITUZIONE

Cisl Campania contro la tratta

Una conferenza a Napoli per promuovere strumenti di contrasto al fenomeno
L'esultanza dei Granata
CALCIO | SERIE A

Lazio, Immobile-rosso: il Toro espugna l'Olimpico

I granata vincono 3-1 a Roma ma è furia biancoceleste per l'espulsione dell'attaccante
VAPRIO D'ADDA

Uccise ladro in casa: archiviata l'accusa di omicidio

Riconosciuta la legittima difesa a Francesco Sicignano: colpì a morte un giovane albanese nel 2015
Luigi Di Maio
FESTIVITÀ

Negozi chiusi a Natale,
Di Maio: "Famiglie più felici"

Il candidato premier torna sulla proposta di legge di Dell'Orco: "Tutti hanno diritto al riposo"
Incendio alla Grenfell Tower di Londra
INCENDIO ALLA GRENFELL TOWER

Al via inchiesta a 6 mesi dalla strage

Il 14 giugno, 71 persone sono morte nel rogo divampato nell'edificio popolare di 24 piani
Bashar al Assad e Vladimir Putin
SIRIA

Putin ordina il ritiro delle truppe

Il presidente russo: "Sconfitto il più agguerrito gruppo terroristico del mondo"