MARTEDÌ 04 DICEMBRE 2018, 23:35, IN TERRIS


CROTONE

Medico aggredito fuori dall'ospedale, ambulante lo salva

L'aggressore accusava la dottoressa di essere responsabile della morte di sua madre e la colpisce al collo con un cacciavite

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
L'ospedale San Giovanni di Dio a Crotone, teatro dell'aggressione
L'ospedale San Giovanni di Dio a Crotone, teatro dell'aggressione
H

a atteso che uscisse dall'ospedale civile "San Giovanni di Dio" di Crotone, prima di colpirla con un cacciavite ferendola gravemente al collo: questo quanto accaduto a una dottoressa di 56 anni, Maria Carmela Calindro, aggredita dal figlio di una sua paziente, il 50enne Luigi Amoruso, il quale intendeva "punirla" perché, a suo dire, aveva fatto morire sua madre. Questo, almeno, quanto urlato dall'aggressore prima di sferrare il colpo verso il medico, poi ricoverata in codice rosso nello stesso ospedale, dove si trova tuttora ma non sarebbe in pericolo di vita. L'uomo che l'ha assalita è stato fermato da un ambulante, che lo ha bloccato fino all'arrivo della Polizia evitando che si accanisse ulteriormente sulla sua vittima: il 50enne è stato immediatamente arrestato con l'accusa di tentato omicidio.


Il motivo dell'aggressione

La donna versa ora in condizioni stabili presso l'ospedale dove lavoro nel quale, un anno fa, era deceduta la madre del suo aggressore, alla quale era stato diagnosticato un carcinoma e, per questo, era stata ricoverata presso il reparto di Medicina generale del "San Giovanni di Dio", dove la dottoressa era in servizio. La donna purtroppo non era riuscita a sconfiggere il suo male, circostanza che Amoruso ha indicato come responsabilità del medico che dirigeva il reparto.


L'intervento dell'ambulante

Fondamentale, per evitare una tragedia, l'intervento del venditore ambulante Mustafa El Aoudi, di nazionalità marocchina, che ha sventato un secondo fendente da parte dell'uomo: "Ho fatto quello che avrebbero fatto tutti. Ho sentito gridare la dottoressa e allora mi sono avvicinato. Ho visto che un uomo che la colpiva con un cacciavite allo stomaco,la voleva ammazzare. Mi sono avvicinato e l'ho buttato giù, poi è scappato e l'ho inseguito fino al bidone della spazzatura, gli ho fatto lo sgambetto ed è caduto. A quel punto l'ho tenuto fermo fino a quando non è arrivata la polizia".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Bandiera della Germania

Conoscete i confini della Germania?

Invitati alla trasmissione radiofonica "Un giorno da pecora", ben quattro alti leader di maggioranza...
Il regista sudcoreano durante la premiazione
CINEMA

Cannes, Bong Joon Ho trionfa sulla Croisette

Vince il sudcoreano con il suo "Parasite". Fra gli attori, premiati Antonio Banderas e Emily Beecham
L'arrivo dei soccorsi
CADICE

Italiani arrestati in Spagna per rissa

Sono quattro studenti Erasmus; il giovane pestato dal branco è grave
L'epicentro del terremoto
EMILIA ROMAGNA

Terremoto 3.4 vicino Parma

E' la seconda scossa di oggi; la prima stamattina nel Tirreno meridionale
Il ministro del Lavoro Luigi di Maio
FALLIMENTO

Mercatone Uno: la reazione "calda" dei politici

Di Maio: "Lunedì tavolo al ministero", poi Salvini, Fratoianni, Zingaretti, Furlan e Mise
Papa Francesco con un bimbo
UDIENZA

Il Papa: "Vita umana inviolabile, l'aborto non è mai la risposta"

Il Santo Padre ai partecipanti di "Yest to Life": "E' un problema umano. No alla diagnosi prenatale per...