GIOVEDÌ 14 FEBBRAIO 2019, 11:00, IN TERRIS


CASORIA (NA)

Maxi incendio in un capannone di stoccaggio

Nessun ferito, ma i cittadini denunciano: "Non è il primo rogo, ci state avvelenando"

MILENA CASTIGLI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
L'incendio nel deposito del Gruppo Cerbone a Casoria
L'incendio nel deposito del Gruppo Cerbone a Casoria
U

n grosso incendio sviluppatori poco prima delle 7 di stamattina sta distruggendo un capannone industriale a Casoria, periferia di Napoli, provocando gravi disagi ai residenti nei palazzi circostanti alcuni dei quali intossicati dall'inteso fumo sprigionato dalle fiamme. Il capannone interessato dalle fiamme, secondo le prime informazioni, dovrebbe essere un deposito di stoccaggio di plastica e alluminio del Gruppo Cerbone. La densa colonna di fumo, che si è sprigionata dalle prime ore del giorno, è visibile anche da Napoli, in particolar modo dall'aeroporto. 

Sul posto, sono al lavoro numerose squadre di vigili del fuoco che hanno iniziato l'opera i spengimento dalle prime ore dell'alba. Sui social networks cittadini di Casoria disperati: "Non è il primo incendio, ci state avvelenando", scrive allarmato un residente del comune napoletano. 


Il post di accusa

Tra i primi a denunciare il fatto la pagina “Rete di Cittadinanza e Comunità” che ha condiviso una serie di foto dell’incendio, accompagnate dal seguente post: “Tra Casoria e Afragola, in terra di nuovi racket e guerra tra bande, prende fuoco un capannone di stoccaggio plastica e alluminio, Gruppo Cerbone. Tutti sul posto, gente allontanata, Arpac in allerta: sentiremo le solite chiacchiere e assisteremo alle solite passerelle? Quanti altri verranno a dirci che "dobbiamo impegnarci di più", invece di provare a fare il loro lavoro? Quanti ancora parleranno di “balordi” e non di scenari criminali architettati ad arte dalle fin troppo note forze in gioco? E quanti ancora ci diranno che, nonostante le colonne di fumo nero, è sempre tutto a posto?“. “C’è solo una cosa – conclude il post – che possiamo rispondervi: jatevenne, andate a casa. La nostra terra brucia e voi, come sempre, restate comodamente seduti sulle vostre poltrone”. Il post è stato riportato dal sito Vesuviolive.it.

 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un aereo Alitalia
TRASPORTI

Alitalia, Fs sceglie Atlantia

Erano quattro le offerte sul tavolo. Fuori la Toto, c'è l'Spa con Mef e Delta
NERA

Lancia la figlia di 16 mesi dal balcone, poi tenta suicidio

Ancora poco chiaro il movente che ha spinto l'uomo al tragico gesto
Giornalismo
IL CASO

Caso Mihajlovic-Zazzaroni. Il confine scivoloso fra professione e amicizia

La difficile battaglia del mister, le scuse del giornalista: i complessi corollari di un dramma che diventa polemica
La sindaca Chiara Appendino
PIEMONTE

Torino, Appendino "licenzia" il vice sindaco

Per Guido Montanari fatali i contrasti sul Salone dell'Auto
Il Presidente Sergio Mattarella tra gli scuot
QUIRINALE

Mattarella: "Sottolineate la bellezza della condizione umana"

Il capo dello Stato agli scout: "Vivere insieme serenamente fa vivere meglio tutti"
MOBILE

Huawei investe in Italia: "Tre miliardi in tre anni"

Il colosso cinese pronto al piano europeo. Miao (Ceo Italia): "Previsti oltre 1000 posti di lavoro diretto"