Marino Occhipinti libero: “Non è socialmente pericoloso”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:23

Marino Occhipinti, uno degli ex poliziotti assassini della Banda della Uno Bianca, da ieri è un uomo libero. Il Tribunale di sorveglianza di Venezia gli ha notificato in carcere, al “Due Palazzi”, il provvedimento che da subito gli consente di uscire dalla casa di reclusione di Padova.

Occhipinti era un gregario della banda dei fratelli Savi, Fabio, Roberto e Alberto, tuttora detenuti. Condannato all'ergastolo nel 1997 per l'omicidio di Carlo Beccari, guardia giurata di 26 anni ucciso nel 1988 durante l'assalto alla cassa continua della Coop di Casalecchio di Reno, nel Bolognese, l'ex poliziotto oggi ha 53 anni e godeva del regime di semilibertà dal 2012. Lo scorso anno fece scalpore la settimana di “vacanza” che gli fu concesso di trascorrere in Val d'Aosta, in un hotel a quattro stelle, insieme alla cooperativa sociale che si è occupata del suo reinserimento negli ultimi sedici anni.

Il 20 giugno scorso il suo avvocato, Milena Micele, ha presentato in udienza la documentazione a favore della libertà, che comprende le relazioni sul suo lavoro svolto fuori e dentro il carcere con la cooperativa Giotto. Secondo il provvedimento del Tribunale di sorveglianza il suo pentimento è “autentico“, ha “rivisitato in modo critico il suo passato” e “non è socialmente pericoloso”.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.