Maltempo: un disperso e sette famiglie evacuate a Luvinate

E' di un disperso e sette famiglie evacuate il bilancio della giornata di maltempo che si è abbattuta giovedì sulla provincia di Varese

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:23
Maltempo a Luvinate, nel Varesotto

E’ di un disperso e sette famiglie evacuate il bilancio della giornata di maltempo che si è abbattuta giovedì sulla provincia di Varese, in particolare a Luvinate.

Il disperso

Al momento si cerca ancora un runner che ieri si era addentrato nei boschi vicino Luvinate per allenarsi, poco prima dell’inizio di un forte temporale e che non ha mai fatto ritorno a casa. Poco dopo la sua partenza, a causa delle forti piogge nella zona in cui si trovava è esondato un torrente.

Si teme che possa essere stato portato via dalla corrente. Per questo, sul posto sono intervenuti, in serata, gli specialisti del Saf (Speleo Alpino Fluviale), del Sapr (Sistema Aeromobili a Pilotaggio Remoto) e del Tas (Topografia Applicata al Soccorso).

Smottamento

Sempre a causa dell’esondazione del torrente, due palazzine e tre villette sempre nel comune di Luvinate (Varese), sono state evacuate per lo smottamento del terreno. I vigili del fuoco e la protezione civile hanno aiutato sette famiglie di residenti a spostarsi a casa di conoscenti o in sistemazioni fornite dal Comune. Numerose le richieste di aiuto, nel corso di tutta la serata, per allagamenti e blackout.

Il precedente: vittima del maltempo

Anche l’ondata di maltempo che aveva colpito sempre il Varesotto a fine agosto aveva procurato una vittima. Lo scorso 29 agosto, un uomo era stato travolto da un torrente ingrossato a causa del maltempo mentre si trovava insieme ad un amico in cerca di funghi vicino al lago Delionm a Maccagno con Pino e Veddasca, comune in provincia di Varese. Era stato proprio l’amico a dare l’allarme e a denunciare la scomparsa del 38enne. Dopo quattro giorni di ricerche, il corpo era stato ritrovato dalle squadre del nucleo speleo alpino fluviale dei vigili del fuoco. Pochi giorni prima erano stati ritrovati i vestiti della vittima.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.