Maltempo: una barca si scontra sulla scogliera del porto di Ostia

Polizia e ambulanza soccorrono quattro velisti naufraghi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:08
maltempo

Un’imbarcazione da diporto, di 10,50 metri, è finita contro la scogliera a ridosso del “Faro Verde” del porto turistico di Ostia, riportando seri danni. Soccorsi i quattro occupanti, quattro giovani di nazionalità tedesca, due uomini e due donne.

Le condizioni di salute dei diportisti, classificati in codice giallo, non destano preoccupazioni. Una donna presenta una vasta ferita lacero-contusa ad una gamba e dovrà essere sottoposta a intervento chirurgico .l’arrivo dei feriti ha messo in grave difficoltà le operazioni di assistenza al pronto soccorso già affollata di pazienti.

Meteo e condizioni meteomarine avverse

E’ successo intorno alle 12.30. A quanto si è appreso, l’imbarcazione, che stava tentando di uscire dal porto, nonostante le condizioni meteomarine avverse, è rimasta in balia delle onde, questa mattina registrate fino a 4 metri, fino ad andare ad urtare contro la scogliera. Gli occupanti sono stati soccorsi dal personale del Porto turistico di Roma e della Capitaneria di Porto. Sul posto, sono giunti anche polizia, carabinieri e due ambulanze.

La barca ha tentato di prendere il largo, ma le onde l’hanno trascinata sugli scogli. Nell’impatto anche l’albero della barca si è spezzato.

Gli sbarchi ad Olbia a

Intanto gli uomini sbarcati dalla Alan Kurdi trascorreranno la notte nella caserma dei vigili del fuoco, non ancora operativa, del porto industriale, mentre le donne e i bambini saranno trasferiti nei locali dell’ex auditorium della stazione marittima, dotati di bagni e acqua corrente, e quindi più confortevoli.

“Tutte le operazioni sono state portate a termine con la massima serenità e non sono sorte particolari difficoltà. Ora aspettiamo il risultato dei tamponi per poi trasferire i migranti nelle strutture individuate dalla Prefettura”, spiega il comandante della Direzione marittima della Guardia costiera di Olbia, il capitano di Vascello Maurizio Trogu.

Il piano della Prefettura di Sassari

I 125 migranti, fra i quali ci sono 56 minori, provengono da Costa d’Avorio, Nigeria, Senegal e Libia, e da domani saranno trasferiti nei centri di accoglienza. Secondo un piano predisposto dalla prefettura di Sassari saranno distribuiti nelle quattro province della Sardegna: 38 a Cagliari, 25 a Sassari e gli altri a Oristano e Nuoro. Qui trascorreranno la quarantena obbligatoria, poi solo 25 di loro resteranno in Italia, mentre gli altri 100 saranno accolti da altri Paesi europei.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.