GIOVEDÌ 02 LUGLIO 2015, 001:30, IN TERRIS

MAFIA CAPITALE, PIGNATONE: "DA RIVEDERE IL RUOLO DELLE COOPERATIVE"

Per il procuratore il rapporto con il sodalizio Carminati-Buzzi è stato diverso con le due giunte capitoline

EDITH DRISCOLL
MAFIA CAPITALE, PIGNATONE:
MAFIA CAPITALE, PIGNATONE: "DA RIVEDERE IL RUOLO DELLE COOPERATIVE"
"A Roma ci sono più organizzazioni criminali e tra queste alcune mafiose che coesistono ed evitano scontri tra loro: questo è il modo migliore per fare affari". E' quanto ha dichiarato il procuratore di Roma Giuseppe Pignatone che è tornato in Commissione Antimafia, presieduta dalla presidente Rosy Bindi - era già stato ricevuto nei mesi scorsi, dopo l'inchiesta su Mafia Roma - per riferire sulla seconda parte dell'inchiesta.

Roma non è come Palermo, Napoli o Reggio Calabria, ha spiegato il capo dei pm di Piazzale Clodio, "è troppo grande e complessa per essere controllata da una sola organizzazione mafiosa. Vi sono più organizzazioni criminali, alcune mafiose", come quella dei Fasciani o quella guidata da Carminati e Buzzi. Mafia Roma "è una piccola organizzazione - ha sottolineato Pignatone - l'associazione mafiosa più pericolosa in Italia e nel mondo rimane la 'Ndrangheta". E tuttavia il magistrato il procuratore ha evidenziato come la Cassazione abbia sostenuto l'impianto accusatorio confermando, in due successive sentenze, la contestazione del 416 bis, ovvero l'associazione mafiosa.

Inoltre Pignatone ha dichiarato che il rapporto con il sodalizio Carminati-Buzzi "è stato diverso con le due giunte capitoline. Con la giunta Alemanno si registra una esplosione del fatturato delle cooperative che facevano capo a Buzzi e c'era un'influenza sulle nomine di vertice delle società partecipate dal Comune". Con la nuova amministrazione Marino, invece, i contatti delle organizzazioni criminali "a livelli alti non ci sono più", e vengono anche cambiati alcuni vertici delle società partecipate, ma "rimane la presenza pesante di Buzzi nel mondo delle cooperative. I rapporti sono diversi ma tutto sommato Buzzi e Carminati erano tranquilli sull'esito delle elezioni: Buzzi e Carminati vantavano di avere candidati amici in entrambi gli schieramenti". Quanto alle lettere che Buzzi manda alle Commissioni e persino al Pontefice, per Pignatone si tratta di una "linea difensiva". Secondo il procuratore c'è l'intento di dire che "in fondo la mafia non esiste e se esiste, io non c'entro. C'era un sistema corruttivo diffuso in cui ho dovuto operare".

Tra le novità emerse, l'avviso di conclusione delle indagini ai sensi dell'articolo 415 bis nei confronti di Maurizio Venafro, ex capo di Gabinetto del governatore del Lazio Zingaretti, che prelude ad una eventuale richiesta di rinvio a giudizio per il reato di turbativa d'asta, "a meno che nei 20 giorni che il Codice prevede non ci facciano presenti circostanze che facciano cambiare idea". Infine, il procuratore capo ha invitato a fare "una riflessione sul ruolo che svolgono le cooperative". Forse bisogna chiedersi, osserva, "se le agevolazioni concesse alle cooperative, le riserve di lavori, le simpatie che hanno e i controlli meno penetranti, "non meritino una riflessione che tuttavia non compete alla procura della Repubblica". La presidente Bindi non sfugge all'osservazione, e fa sapere che presto verranno ascoltati i responsabili della cooperativa La Cascina. Un sostegno alla giunta Marino arriva dal capogruppo Pd in Antimafia Franco Mirabelli: "mi pare evidente che quella di Marino e' la posizione di un amministratore mai coinvolto da questo sistema, mentre con l'amministrazione precedente Carminati ha avuto un peso molto significativo".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'incendio al Cameron House Hotel in Scozia
SCOZIA

Fiamme in un hotel di lusso: 2 morti

Le fiamme hanno distrutto una grande porzione della struttura turistica
Incendio in una fabbrica in India
INCIDENTI SUL LAVORO IN INDIA

Mumbai, rogo in una fabbrica di dolci: 12 morti

Il calore sprigionato dal rogo ha causato un rapido cedimento di parte della struttura
Altero Matteoli
POLITICA IN LUTTO

Morto l'ex ministro Matteoli

Fatale un incidente all'altezza di Capalbio. Cordoglio nel mondo delle istituzioni
Pier Carlo Padoan
CASO BANCHE

Padoan: "Mai autorizzati colloqui dei ministri"

Il titolare del Mef: "Sugli istituti di credito la responsabilità è di via XX Settembre"
Il premier austriaco Sebastian Kurz
AUSTRIA

Il governo Kurz giura tra le proteste

L'esecutivo sostenuto dall'ultradestra dell'Fpoe entra in carica. Manifestazioni a Vienna
Luigi Di Maio
ELEZIONI

Di Maio apre alle alleanze

Il candidato premier M5s non esclude coalizioni: "Il 40% o governiamo con chi ci sta"
Marco Orsi e Luca Dotto
NUOTO | EUROPEI

Dotto, Orsi, Sabbioni: a Copenaghen brillano le stelle azzure

L'Italia vince la classifica per nazioni del torneo continentale di vasca corta con 959 punti
Un tunisino durante le proteste del 2011
PRIMAVERE ARABE

La Tunisia celebra la "rivoluzione dei gelsomini"

Sette anni fa scoppiava la rivolta che portò alla caduta di Ben Ali
I due presunti assassini: Raffaele Rullo e Antonietta Biancaniello
OMICIDIO LA ROSA

Il presunto killer: "Non sono stato io"

La madre ha dichiarato di aver fatto tutto da sola
Jacqueline de la Baume Dürrbach, Il cartone del Guernica esposto in Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, Roma
PICASSO

In mostra "Guernica icona di pace"

Alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018