“Lupara bianca” durante una faida scissionista: 7 arresti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:26

La squadra mobile di Napoli ha dato esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di sette indagati, ritenuti responsabili dell'omicidio per lupara bianca di Antonino D'Andò. Di lui si erano perse le tracce il 22 febbraio del 2011.

Delitto eccellente

D'Andò – luogotenente di un boss – venne ucciso per evidenziare era la fine che meritavano coloro che, come lui, non si erano allineati ai nuovi assetti di vertice del clan. Antonino infatti era legato al boss Carmine Amato, capo dell'omonimo clan 'scissionista' e non vedeva di buon occhio l'ascesa al potere di Mariano Riccio, genero di Cesare Pagano, capo dell'altra componente degli “scissionisti”.

D'Andò fu attirato in trappola: venne convocato per una riunione in uno dei covi del clan, per essere subito ucciso da un parente della famiglia Pagano – che così se ne assunsero la diretta responsabilità – e, secondo quanto si è appreso, sciolto nell'acido. Le indagini hanno consentito di individuare mandanti ed esecutori dell'omicidio che costituì un'epurazione interna decisa dalla componente del clan facente riferimento a Riccio ai danni del clan Amato.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.