Lite fuori dalla discoteca, accoltellato un 19enne

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:41

Grave episodio di violenza in una discoteca di Milano, dove un ragazzo di 19 anni è stato ferito in modo serio da una o più coltellate, probabilmente frutto di una lite scaturita all'esterno del locale, uno dei più conosciuti della movida meneghina. L'episodio si è verificato all'alba, poco dopo le 5, nelle vicinanze della discoteca: secondo quanto testimoniato a 'Repubblica' dal gestore, la serata era trascorsa tranquilla e, anche visionato le telecamere di videosorveglianza, non era stato riscontrato nulla che potesse far prevedere una rissa o dei disordini. Il ragazzo è stato immediatamente soccorso e trasferito all'ospedale di Niguarda, a Milano, dove è arrivato in gravi condizioni e subito ricoverato in stato di prognosi riservata. Solo successivamente è stato diffuso dai media locali che il giovane accoltellato sarebbe il figlio maggiore della conduttrice tv Simona Ventura e dell'ex calciatore Stefano Bettarini, Niccolò.

Indagini in corso

Secondo quanto riferito dai medici, il ragazzo avrebbe riportato alcune ferite piuttosto serie a un braccio, riportando la recisione di un tendine. Secondo quanto riferito, potrebbero essere state ben più di una le coltellate ricevute anche se, al momento, non è chiaro cosa sia successo perché, stando alle immagini delle telecamere, pare che il giovane non fosse direttamente coinvolto nella lite (le immagini lo mostrerebbero nell'atto di recarsi a prendere l'auto, passando a distanza dal luogo della rissa) ma che potrebbe essere intervenuto successivamente per aiutare un suo amico. Sull'episodio sta indagando la Questura di Milano, nel frattempo il 19enne resta ricoverato al Niguarda, dove è tenuto sotto osservazione costante.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.