MARTEDÌ 05 MAGGIO 2015, 15:37, IN TERRIS

L'ISIS RIVENDICA LA SPARATORIA DI DALLAS E MINACCIA GLI STATI UNITI

L'Fbi ha identificato i due uomini. Uno di loro poco prima dell'attentato aveva postato un giuramento di fedeltà al califfato sui social network

EDITH DRISCOLL
L'ISIS RIVENDICA LA SPARATORIA DI DALLAS E MINACCIA GLI STATI UNITI
L'ISIS RIVENDICA LA SPARATORIA DI DALLAS E MINACCIA GLI STATI UNITI
Dopo la sparatoria di domenica sera in Texas, alla fine di una mostra di vignette su Maometto, con tanto di premio per chi avesse disegnato la migliore (in senso negativo), torna la paura negli Stati Uniti. L'Isis infatti ha rivendicato l'attacco, dove due jihadisti appartenenti alle file dei miliziani del Califfato hanno perso la vita, e ha minacciato gli Usa di episodi simili in futuro. "Vi diciamo, America, che quello che sta arrivando sarà più doloroso e più amaro, e vedrete come i soldati del califfato vi colpiranno".

La nuova minaccia arriva dopo che nella giornata di ieri un combattente dell'Isis ha affermato su Twitter che la sparatoria di Dallas è stata opera di due sostenitori dello Stato Islamico. A dare la notizia era stato il sito di monitoraggio dei jihadisti, Site. Inoltre la Cnn, citando alcune fonti investigative, ha diffuso la notizia che uno dei due attentatori, prima di compiere l'attacco, avrebbe postato sui social network un giuramento di fedeltà all'Isis.

Nel frattempo, le forze dell'ordine hanno perquisito la casa di Phoenix, in Arizona, dove i due jihadisti risiedevano. l'Fbi ha identificato il primo attentatore nella persona di Elton Simpson, originario dell'Arizona e già conosciuto dalle forze dell'ordine in quanto coinvolta in una precedente indagine antiterrorismo. Inoltre Simpson fu arrestato cinque anni fa per aver cercato di recarsi in Africa per unirsi ad un gruppo di combattenti jihadisti. Esaminando la casa dell'uomo con l'ausilio di un robot, gli investigatori sono riusciti a risalire anche all'identità del secondo uomo. Si tratta di Nadir Soofi.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Una partecipante al corteo pro migranti a Roma
ROMA

Corteo pro migranti: "Diritti senza confine"

Gli organizzatori: "Oltre 15 mila partecipanti"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau