VENERDÌ 20 SETTEMBRE 2019, 09:59, IN TERRIS


IMMIGRAZIONE

Libia: migrante in fuga ucciso con un colpo di arma da fuoco

L'uomo, di origini sudanesi, faceva parte di un di persone riportate a terra dalla Guardica costiera Libica

LORENZO CIPOLLA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Staff dell'Oim in Libia - Foto © Organizzazione mondiale per le migrazioni
Staff dell'Oim in Libia - Foto © Organizzazione mondiale per le migrazioni
A

veva preso il largo in cerca della libertà, ma è morto sulla costa nordafricana dove era stato riportato insieme ad altri che insieme a lui avevano intrapreso la traversata. Un migrante di nazionalità sudanese ha persone la vita dopo essere raggiunto da un proiettile, mentre tentava di fuggire dalle guardie libiche giovedì 19 settembre. Inutili i soccorsi. Faceva parte di un gruppo  di 103 persone che era stato ricondotto a terra da uomini della Guardia costiera libica ed era stato fatto sbarcare nei pressi del porto di sbarco tripolino Abu Sitta. I migranti stavano opponendo resistenza ai militari libici che intendevano trasferirli in un centro di detenzione. A denunciare l'accaduto, l'Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim) con una nota. Alcuni membri dell'agenzia collegata alle Nazioni unite si trovavano sul posto e ha cercato di salvare il migrante ferito.


Tragedia annunciata 

Non volevano tornare in un centro di detenzione libico, per cui hanno si sono opposti o hanno cercato una via di fuga, pur di evitare il trasferimento. Per contenere la protesta un gruppo di uomini armati avrebbe aperto il fuoco, sembra sparando in aria. Uno dei 103 migranti però sarebbe stato raggiunto allo stomaco da un proiettile. Lo staff dell'Oim che era presente lo avrebbe soccorso immeditamente, fornendogli le prime cure sul posto poi portandolo di corsa in una struttura sanitaria non distante. Usa dure parole di denucia il portavoce dell'Organizzazione Leonard Doyle: "Era una tragedia annunciata. È inaccettabile in ogni circostanza l'uso di armi da fuoco contro civili inermi, donne e bambini. Inoltre è allarmante per le condizioni di sicurezza chi fornisce assistenza umanitaria e dei migranti. L'Oim chiede che le autorità libiche indaghino su questa vicenda e facciano giustizia".

https://www.corriere.it/cronache/19_settembre_19/budapest-impazzisce-l-impianto-audio-nuovo-stadio-musica-metal-tutta-notte-41e2a6f8-dae4-11e9-94b9-f72cb5920b7e.shtml


Le vittime di Tajoura

Nella nota l'Organizzazione per le migrazioni sottolinea che quanto accaduto dovrebbe servire a non dimenticare mai la drammatica situazione in cui si trovano i migranti che, dopo aver pagato i trafficanti per farsi portare in Europa, vengono riportati indietro dai militari libici per finire nei centri di detenzione. "Le cui condizioni sono state condannate dalle Nazioni unite e dall'Oim", recita il documento. Secondo i dati dell'Organizzazione si trovano nei centri di detenzione libici - "in condizioni disumane", è specificato - 5mila persone, tra cui donne e bambini, mentre altre 3mila si trovano in zone di conflitto ad alto rischio. Poco più di due mesi fa, a inzio luglio, un doppio attacco aereo su Tripoli ha colpito anche il centro per migranti di Tajoura, a est della città, causando 53 vittime e oltre cento feriti. Il governo libico di unità nazionale ha poi accusato il generale Haftar dei raid sulla capitale.

 

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Immagine di repertorio
IL CASO

Milano, il pm sospende il gioco horror

Per gli inquirenti, l'assenza di illuminazione avrebbe messo in pericolo i concorrenti
La statua d'arte indigena, oggetto di controversie, trasportata lungo via della Conciliazione durante la Via Crucis del 19 ottobre scorso - Foto © Andrew Medichini per AP
SINODO PER L'AMAZZONIA

Statue indigene in chiesa gettate nel Tevere. Per alcuni erano pagane

Continua il caso controverso sulle statue di arte indigena collocate in una chiesa durante il Sinodo
Scritta per Desirée sul portone dello stabile dove il suo corpo è stato ritrovato
ROMA

Morte di Desirée, in quattro a processo

La 16enne venne ritrovata priva di vita, un anno fa, in uno stabile abbandonato del quartiere di San Lorenzo
Il libro di don Aldo Buonaiuto,
SASSOFERRATO | ANCONA

Halloween: un viaggio nel mondo nell'occulto

L'incontro tenuto da don Aldo Buoniauto presso la parrocchia di san Facondino
Giuseppe Conte e Luigi Di Maio
GOVERNO

Manovra, bilaterali coi partiti: Conte prova a ricucire

Il premier incontra le forze di maggioranza per snodare i punti critici. E anche dall'Ue arriva una missiva per chiedere...
L'incendio e i danni al tetto della struttura storica
TORINO

In fiamme la Cavallerizza Reale, patrimonio Unesco

Appendino: "Il tema oggi non è l’occupazione ma che la Cavallerizza così non può stare"
Immagine di repertorio
NUOVI MERCATI

La tecnologia rilancia l'impresa, ma mancano 45 mila tecnici digitali

In agosto recupero della produzione industriale. Richieste nuove competenze e nel weekend 100 mila visitatori a Roma alla fiera...
La merce sequestrata
SALERNO

Contrabbando di tabacchi: 12 arresti

Sospeso il reddito di cittadinanza a cinque dei fermati
Strade allagate
ALLERTA METEO

Nubifragio a Milano, città allagata

Il fiume Seveso è vicino all'esondazione, sotto osservazione anche il Lambro
Pini domestici
EMERGENZA ECOLOGICA

Piano del Campidoglio per le periferie green

In Italia 31 metri quadri di verde a cittadino. Piantare alberi è tra gli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo...
Sampdoria-Roma 0-0. Nicolò Zaniolo contrastato da Bertolacci - Foto © Twitter
SERIE A

Ranieri, buona la prima: la Roma sbatte sulla Samp

Pareggio a reti bianche a Marassi. Il Genoa crolla col Parma, l'Inter soffre ma stende il Sassuolo
Maker Faire Rome
SVILUPPO

Enea, verdure spaziali e hi-tech anti-zanzare

Alla rassegna romana degli inventori 4.0 le ultime scoperte dell’ente pubblico di ricerca