GIOVEDÌ 04 LUGLIO 2019, 00:01, IN TERRIS

L’angelo dà speranza al mistero della Orlandi

Trentasei anni fa, il rapimento della giovane, tra verità e menzogne

MARCO GRIECO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Volantini con il volto di Emanuela Orlandi
Volantini con il volto di Emanuela Orlandi
Q

uindici anni e un sorriso splendente, i capelli castani trattenuti da una fascia. È questo il ritratto che ha lasciato Emanuela Orlandi, nel cuore dei suoi familiari, poi nell’immaginario collettivo da quando, nell’83, il suo volto tappezzò tutta Roma. Dai volantini, la fotografia della ragazza passo ai giornali, perché il caso Orlandi sconfinò dall’Italia. Innanzitutto, la ragazza era cittadina dello Stato di Città del Vaticano. E poi quel viso innocente divenne l’emblema di uno tra i più fitti misteri italiani. Due anni prima, la morte in diretta televisiva del piccolo Alfredino scosse l’immaginario popolare italiano e ne soddisfò la morbosità. Allo stesso modo, la fotografia di Emanuela consegnò alla collettività, segnata dagli anni di piombo, una vittima delle ombre di quel periodo, la manifestazione più evidente di una città stretta dalla banda della Magliana e, perciò, testimonianza più veritiera di quegli anni. “Il caso di mia sorella non è mai caduto nel dimenticatoio” ha dichiarato Pietro, il fratello di Emanuela, a In Terris. Eppure è paradossale che, di tutta questa faccenda, la chiarezza si contrapponga alle nebbie dei depistaggi e alle dichiarazioni anonime: “Negli anni sono tanti tantissimi i casi di mitomani, ma anche i depistaggi. I quali, spesso, sono voluti”.


Le tappe

A dispetto di quel volantino, che ancora oggi campeggia tra Piazza San Pietro e il web, l’ultimo dono che Emanuela ha lasciato ai suoi cari non è quel volto innocente, ma la sua voce. Il 22 giugno di 36 anni fa, infatti, la giovane aveva appena finito la sessione di flauto per comunicare telefonicamente alla sorella che le era stato proposto un lavoro quale promotrice di prodotti cosmetici. La quindicenne si trovava in piazza Sant’Apollinare. Da quel luogo nel cuore pulsante di Roma, le sue tracce sparirono. Secondo alcune ricostruzioni, dopo quella chiamata Emanuela sentì un’amica e le raccontò della proposta appena ricevuta confidandole che, prima di tornare a casa, sarebbe rimasta ad aspettare l’uomo che le aveva offerto il lavoro. Anche un vigile urbano confermò di averla vista salire su una BMW. Il giorno dopo, il padre sporse denuncia ai carabinieri e i giornali diffusero la notizia della scomparsa. Nel corso degli anni, si sono succedute telefonate anonime di diversi mitomani, ma del volto della quindicenne di allora non se ne seppe più nulla. Diverse piste si aprirono, tante altre si chiusero. Una di queste partì da una telefonata, nel luglio 2005, alla trasmissione televisiva Chi l’ha visto: una voce anonima associò Emanuela a Enrico de Pedis, detto “Renatino”. Questi era uno dei capi della Banda della Magliana e fu chiamato in causa per una tomba nella cripta della Basilica di Sant’Apollinare. Nel 2012 la salma fu riesumata, ma della ragazza non è stata trovata traccia. Dopo sette anni, è stato il turno di altri resti riesumati: stavolta il luogo è via Po , sede del Palazzo della Nunziatura Apostolica di Roma. In quella che è l’Ambasciata vaticana in Italia, la Polizia scientifica ha fatto delle indagini su resti umani trovati sotto il pavimento. Ne è emerso che le ossa appartenevano a un uomo colà sepolto tra 90 e 230 d.C. L’11 luglio verranno, invece, aperte due tombe nel cimitero teutonico, sito in Città del Vaticano, a due passi dall’Aula Nervi. A segnalare il luogo, stavolta è stata un’ennesima lettera anonima: nella missiva, inviata alla legale Sgrò e a Pietro Orlandi, v’era allegata una foto con la tomba della famiglia Von Hohenlohe. Una nota dava, in poche parole, una pista: “Cercate dove guarda l’angelo”. Ora, dopo le richieste della famiglia, la Santa Sede ha disposto l’apertura di due tombe: “Reputo questo passo positivo – ha dichiarato Pietro – perché, a distanza di anni, il Vaticano ha aperto un’inchiesta. Per me, che sono stato sempre legato al Vaticano, è una cosa molto positiva”.


Il legame presunto con il Vaticano

Nel corso delle indagini sono state seguite numerose piste che hanno coinvolto il Vaticano e le sue istituzioni come l’Istituto per le Opere di Religione (Ior), ma anche altre come quella che portava alla Banda della Magliana e al Banco Ambrosiano. Emanuela è, infatti, figlia di un commesso della Prefettura della Casa Pontificia. Negli anni scorsi, Pietro Orlandi ha sostenuto uno stretto legame tra la sparizione di sua sorella e l’attentato a Papa Giovanni Paolo II. Proprio questi, non si risparmiò facendo appello alla restituzione e liberazione di Emanuela. Secondo l’avvocato Nicoletta Piergentili Piromallo, uno dei legali della famiglia Orlandi, Ali Ağca, che attentò alla vita del Pontefice santo nel maggio del 1981, ne era coivolto. All’epoca si pensò anche a uno scambio di persona tra l’attentatore detenuto e la ragazza. Anche Papa Francesco si pronunciò sul caso Orlandi: incontrando Pietro quindici giorni dopo la sua elezione, disse “Emanuela è in cielo”. Dopo numerosi appelli, l’impegno di Pietro Orlandi resta quello “non far dimenticare Emanuela, perché solo tenendo alta l’attenzione, si può giungere alla verità”. La Chiesa, nelle persone del Segretario di Stato Parolin e del Capo della Gendarmeria Giani, intende perseguire la verità. E la famiglia Orlandi non spera altro che trovare pace.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Italia-Armenia 9-1. Il gruppo azzurro festeggia Jorginho - Foto © Twitter
EURO 2020 | QUALIFICAZIONI

Italia dieci bellezze, l'Armenia è annientata: 9-1

Non c'è partita al Barbera: gli Azzurri chiudono a punteggio pieno. Doppiette per Immobile e Zaniolo, prima gioia per...
Silvia Romano
IL CASO

Silvia Romano, gli sviluppi a un anno dal rapimento

Prime voci sulla giovane volontaria italiana che, secondo la Procura, sarebbe in mano a un gruppo di jihadisti somali
EDUCAZIONE

Scuola, riaprire il tavolo sul costo standard di sostenibilità

Il punto al convegno "Autonomia, parità e libertà di scelta educativa in Italia promosso da USMI E CISM
Palazzo Montecitorio
IL PUNTO

Politica

ad alta tensione

Il dossier ex Ilva, lo ius soli e gli emendamenti alla manovra. Il dibattito nella maggioranza, le critiche dell'opposizione
Il ponte crollato
FRANCIA

Crolla un ponte a nord di Tolosa: muore 15enne

Un camion e due auto sono precipitati nel fiume, nove i feriti
Forma di Parmigiano Reggiano
DAZI USA

Vendite in calo del 20% per il Made in Italy

Lo denuncia Coldiretti: "E' sempre più urgente l’attivazione di aiuti compensativi"
I soccorsi
CALIFORNIA | USA

Spara durante una festa in giardino: è strage

Almeno quattro morti e sei feriti a Fresno, sconosciuto movente e killer
Ambiente

L’ambiente

In un mondo come quello in cui viviamo è necessario che in ognuno di noi cresca l’attenzione sui problemi...
Bibbia e web

L’altolà del Papa alla web-dittatura

Tra la Chiesa e la Rete nulla sarà più come prima. Sulla protezione dei minori Papa Francesco ha tolto...
Dissesto idrogeologico
EMERGENZA MALTEMPO

Dissesto idrogeologico, giovedì in Consiglio dei ministri

132 frane, 125 alluvioni, sei erosioni costiere nel piano governativo di difesa del territorio
Cristiano Ronaldo
EURO 2020 | QUALIFICAZIONI

Ronaldo non si ferma: a un passo da quota 100

Con la rete al Lussemburgo il portoghese tocca 99 gol in nazionale. Il record assoluto di Ali Daei (109) è nel mirino
Gli stabilimenti ex Ilva
EX ILVA

ArcelorMittal, ultimatum delle aziende dell'indotto

Gli autotrasportatori mordono il freno e chiedono il saldo delle fatture. Boccia: "Senza scudo penale non si firma...