VENERDÌ 15 MARZO 2019, 17:45, IN TERRIS


CASO RUBY

La morte della teste chiave diventa un giallo

La Procura di Milano indaga per omicidio volontario. Imane Fadil morta per un mix di sostanze radioattive

REDAZIONE
Imane Fadil
Imane Fadil
E'

 giallo per la morte di Imane Fadil, modella 34enne di origini marocchine testimone chiave dell'accusa nei processi sul caso Ruby. La donna è deceduta lo scorso primo marzo nella clinica Humanitas di Rozzano (Milano) dove era ricoverata da gennaio.


La morte

A quanto si apprende la Procura del capoluogo meneghino starebbe indagando per omicidio volontario, provocato, forse, da avvelenamento. Fadil stessa, infatti, ai suoi familiari avrebbe confidato di essere stata avvelenata. La morte, poi, sarebbe avvenuta dopo "un mese di agonia". La giovane, però, ha raccontato la sorella, sarebbe stata vigile sino all'ultimo istante, nonostante il "progressivo cedimento degli organi". Sul corpo è stata disposta l'autopsia. Successivamente, dagli esami tossicologici è emerso che Fadil sarebbe morta per "un mix di sostanze radioattive". Secondo quanto riferito all'Agi da fonti qualificate, la donna sarebbe stata esposta a sostanze non reperibili in commercio (non sarebbe il polonio), in una quantità che escluderebbe la contaminazione accidentale.


Indagini

Fadil, che è stata parte civile nel processo Ruby bis sulle serate a luci rosse a casa di Silvio Berlusconi e che di recente invece è stata estromessa da parte civile nel processo Ruby ter, da quanto è stato riferito, si è sentita male a casa di un amico, da cui viveva. Era stata ricoverata prima in terapia intensiva e poi in rianimazione. Nelle settimane in cui la ragazza si trovava in degenza e nemmeno il giorno della morte, l'ospedale non avrebbe comunicato alcunché alla magistratura, sebbene non siano state individuate le cause della morte e non ci sia una diagnosi certa sul decesso. Per questo nell'ambito dell'inchiesta coordinata dall'aggiunto Tiziana Siciliano, gli inquirenti dovranno sentire anche i medici che non sono riusciti a salvarla. Inoltre hanno disposto gli accertamenti sul sangue rilevato alla giovane modella durante il ricovero ospedaliero e l'acquisizione di oggetti personali, documenti scritti e brogliacci di un libro che stava scrivendo e che conservava. E' già stato anche sentito in procura il fratello, la persona con cui lei in questo ultimo periodo si sarebbe confidata. La procura ha saputo della morte della modella solo una settimana fa in quanto informata dal suo legale. Il procuratore capo di Milano, Francesco Greco, ha assicurato che verranno effettuati in tempi brevi "indagini approfondite perché in questo caso c'è stata una morte e quindi bisogna considerarla una vicenda seria".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il piatto finito
LA RICETTA DEL WEEKEND

Pennette panna e gamberetti: giocare facile a tavola

Bastano pochi ingredienti per realizzare un piatto da consumare da soli o in famiglia
Rafi Eitan
ISRAELE

Addio a Rafi Eitan, catturò Eichmann

La leggenda del Mossad si è spenta a 92 anni. Pose fine alla latitanza dell'ex SS
Italia-Finlandia 2-0. L'esultanza degli Azzurri dopo la rete di Barella
EURO 2020 | QUALIFICAZIONI

La giovane Italia parte forte: Barella-Kean, Finlandia k.o.

Gli Azzurri s'impongono 2-0 alla Dacia Arena. Qualcosa da sistemare ma la strada è giusta. Esordio per Zaniolo
Urna elettorale
REGIONALI

Basilicata al voto: tutto quello che c'è da sapere

In tre sfidano il centrosinistra, che governa ininterrottamente dal 1995
La nave in difficoltà
NORVEGIA

Nave da crociera in avaria al largo della costa

In corso l'evacuazione dei 1.300 passeggeri. Non ci sono i feriti
Ousseynou Sy
TERRORE BUS MILANO

Gip: "Sy deve restare in carcere"

Confermati anche gli altri reati di sequestro di persona, resistenza e incendio