VENERDÌ 28 SETTEMBRE 2018, 12:52, IN TERRIS


MICRONESIA

L'aereo manca la pista e finisce in mare: tutti illesi

Tragedia sfiorata nella laguna di Chuuk, dove un Boeing ha impattato dopo aver sbagliato le coordinate

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
L'aereo in acqua nella laguna di Chuuk
L'aereo in acqua nella laguna di Chuuk
P

oteva finire in tragedia l'incidente aereo avvenuto in Micronesia, dove un Boeing 737 ha incredibilmente mancato la pista di atterraggio al momento di toccare terra, finendo la sua corsa nella laguna di Chuuk, poco distante dall'aeroporto internazionale dell'isola di Weno, dove avrebbe dovuto fare scalo durante il suo viaggio da Port Moresby a Pohnpei. Appena toccata l'acqua, il velivolo è rimasto per qualche secondo in fase di galleggiamento a pelo d'acqua, per poi inziare rapidamente ad affondare. Al momento dell'impatto, a bordo c'erano 36 passeggeri e gli 11 membri dell'equipaggio, tutti miracolosamente illesi. Finora solo una persona è stata segnalata in serie condizioni anche se, a ora, sarebbe stabile.


Passeggeri incolumi

L'aereo, appartenente alla compagnia di bandiera della Papua Nuova Guinea, Air Niugini, con destinazione Pohnpei, la capitale degli Stati federati della Micronesia: sette persone sono quelle ricoverate in ospedale ma, sicuramente, le proporzioni dei danni sono sensibilmente inferiori a quanto si è rischiato. I passeggeri non hanno riportato gravi danni dall'impatto con l'acqua e sono stati in grado di lasciare la fusoliera a nuoto, evitando così di essere trascinati a fondo dall'aereo che stava affondando. Non è ancora chiaro come sia stato possibile un simile errore.


Il precedente

Un incidente che ha ricordato da vicino quello accaduto sul fiume Hudson il 15 gennaio 2009, quando il  volo US Airways 1549 fu costretto a un ammaraggio di emergenza dopo aver impattato con uno stormo di volatili poco dopo il decollo dall'aeroporto La Guardia di New York, danneggiando entrambe le turbine. In quella circostanza, l'abilità del comandante Chesley "Sully" Sullenberger (che per ultimo lasciò l'aereo, assicurandosi che fosse prima del tutto evacuato) permise a tutti i 155 passeggeri a bordo di uscirne incolumi (soccorsi prima dall'equipaggio e poi da alcuni battelli, il tutto nel giro di una mezz'ora), in un episodio che sarebbe poi stato conosciuto come "il miracolo dell'Hudson". Dalla vicenda, verrà successivamente tratto un film, Sully, diretto da Clint Eastwood e con Tom Hanks nel ruolo del comandante Sullenberger.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
TREVISO

Morta dopo aver scelto una chemio non invasiva per partorie

La notizia del tumore al seno durante la gravidanza. Le cure meno forti le consentono di diventare madre, ma muore tre mesi dopo
TASSE

Fino al 25 ottobre è possibile integrare il proprio “730”

Nel caso si sia dimenticata una deduzione o una detrazione, si ricorre al modello integrativo. Per i rimborsi o le compensazioni...
La vittima, Melissa Trotter, e a dx Larry Swearingen
USA

Pena di morte, nuova esecuzione in Texas

Le ultime parole del condannato: "Perdonali, non sanno quello che fanno"
L'epicentro del sisma
LAZIO

Terremoto, scossa nel Tirreno vicino Roma

Non sono stati riportati danni a cose e persone né sulla costa né nella Capitale
Ufficio comunale chiuso
PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Quota 100: oltre 10mila domande nella Pa

E' boom di richieste di pensionamento ma è allarme "rimpiazzi" in comuni e ospedali
Carabinieri del Ros in azione
GIARDINI NAXOS

Ndrangheta: arrestato il latitante Riitano

Era ricercato per traffico internazionale di stupefacenti ed altro