MERCOLEDÌ 03 GIUGNO 2015, 15:57, IN TERRIS

INCIDENTE A BOCCEA, CONVALIDATO L'ARRESTO PER IL ROM 17ENNE. INDAGATO ANCHE IL PADRE

Secondo l'avvocato difensore si dovrà valutare quanto effettivamente il ragazzo si renda conto di quello che è accaduto

EDITH DRISCOLL
INCIDENTE A BOCCEA, CONVALIDATO L'ARRESTO PER IL ROM 17ENNE. INDAGATO ANCHE IL PADRE
INCIDENTE A BOCCEA, CONVALIDATO L'ARRESTO PER IL ROM 17ENNE. INDAGATO ANCHE IL PADRE
E' stato convalidato l'arresto del rom 17enne che ha dichiarato al giudice di essere stato lui alla guida della Lancia Lybra che ha provocato l'incidente in via Mattia Battistini e causato la morte della 44enne filippina e il ferimento di altri 8 passanti. "Non credo che si sia reso conto di ciò che ha fatto - ha dichiarato l'avvocato del giovane, Antonio Gugliotta - il problema è proprio questo, ovvero di valutare il grado di maturità del minore. Era terrorizzato, tremava. Ha chiesto perdono, è addolorato".

"Il mio assistito - ha precisato l'avvocato difensore - ha risposto a tutte le domande. Lui guidava e accanto aveva il padre. Dietro c'erano il fratello e la sua convivente. Lui ha spiegato di non essersi fermato all'alt della polizia perché spaventato: in una circostanza simile era stato picchiato dagli agenti e pensava di prendere nuovamente delle botte perché non aveva né la patente né l'assicurazione". Inoltre finisce nel registro degli indagati per concorso in omicidio volontario anche il padre dei due fratelli rom. Gli inquirenti vogliono chiarire se anche l'uomo fosse a bordo dell'auto quando si verificò l'incidente nel quartiere di Boccea.

Durante l'interrogatorio il minorenne ha raccontato al giudice di aver acquistato l'auto pochi giorni per una cifra irrisoria perché non era in buone condizioni e non poteva raggiungere i 180 km/h, come affermato dagli agenti. Inoltre ha spiegato che lui e il fratello durante la fuga hanno dormito in ripari di fortuna e sono rimasti anche alcuni giorni senza mangiare. A quanto sembra il ragazzo era già noto alle forze dell'ordine in quanto aveva dei precedenti per furto e delle denunce a piede libero. In riferimento all'incidente il ragazzo ha dichiarato al giudice di aver "toccato l'acceleratore per sbaglio invece del freno".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"