MERCOLEDÌ 15 MARZO 2017, 15:40, IN TERRIS

Inchiesta Romeo: perquisito Palazzo di Giustizia a Napoli

Al setaccio l'ufficio di Calderara, direttore per la gestione e la manutenzione, indagato per corruzione

SALVATORE CAPORALE
Inchiesta Romeo: perquisito Palazzo di Giustizia a Napoli
Inchiesta Romeo: perquisito Palazzo di Giustizia a Napoli
Nuovi clamorosi sviluppi nell’ambito dell’inchiesta sugli appalti alle aziende dell’imprenditore napoletano Alfredo Romeo. I carabinieri hanno effettuato alcune perquisizioni nel Palazzo di Giustizia di Napoli. In particolare è stato passato al setaccio l'ufficio del direttore generale per la gestione e la manutenzione del Palazzo di Giustizia di Napoli, Emanuele Caldarera, che risulta indagato per corruzione in concorso con Romeo. Secondo l'ipotesi accusatoria dei pm Henry John Woodcock e Celeste Carrano per sbloccare il pagamento di alcune fatture a favore della Romeo Gestioni, che erano state congelate dal funzionario che l'aveva preceduto nell'incarico, il dirigente avrebbe chiesto e ottenuto l'assunzione di una figlia (che non risulta indagata) presso l'azienda dell’imprenditore. I fatti contestati si riferiscono a un periodo tra l'ottobre e il novembre dello scorso anno.

Intanto sono stati depositati gli atti in vista dell’udienza del Tribunale del riesame che dovrà pronunciarsi sull’ordinanza di custodia cautelare per Romeo, attualmente recluso a Regina Coeli. Tra questi documenti c’è anche il verbale dell’interrogatorio dello scorso 16 dicembre di Marco Gasparri, dirigente di Consip, indagato per corruzione nell'inchiesta sulla Centrale acquisti della Pubblica amministrazione. Si apprende così che parlando del suo rapporto con l’imprenditore, il dirigente ha affermato che "di regola gli appalti si perdono per 'banalità', magari perché non si colgono particolari, dettagli e sfaccettature del capitolato; ecco, a tale riguardo io mi sono messo a disposizione del Romeo almeno dal 2014 in poi”. Gasparri era all'epoca dirigente responsabile dei bandi di gara della Consip. "Negli ultimi due anni mi sono incontrato con il Romeo quasi tutte le settimane - ha detto ancora Gasparri - magari soltanto un'ora o mezz'ora, ma tutte le settimane".

Argomento dell’interrogatorio anche la nomina di Marroni: "Alla vostra espressa domanda, vi dico che la nomina dell'Ad Marroni è stata 'sponsorizzata' da Renzi e da Lotti, e per la verità lo stesso Marroni non ne fa mistero; si tratta di una nomina politica".

Nell’interrogatorio del 28 gennaio davanti ai pm di Roma e Napoli, Gasparri, parlando dei contatti istituzionali che Alfredo Romeo sosteneva di avere, ha aggiunto: "Con riguardo agli interventi politici di altissimo livello su Marroni, ricordo, per spiegare meglio quanto detto prima, che quando io feci a Romeo la domanda se era il Papa egli mi rispose che erano di altissimo livello; io a quel punto chiesi se fosse il presidente del Consiglio Renzi ed egli mi guardò senza rispondere nulla". Il dirigente ha precisato che gli "interventi politici" sull'Ad Luigi Marroni sarebbero avvenuti prima dell'estate 2016. Gasparri aveva spiegato: "Romeo mi disse, nel suo ufficio, che erano interventi ad altissimo livello ed accompagnò con un gesto che enfatizzava il livello apicale dei suoi interlocutori. Io per celia gli chiesi se parlava del Papa e lui fece quel gesto per indicare che si trattava di un livello molto alto. Io pensai che potesse essere o il ministro del Mef o il Presidente del Consiglio o qualcuno vicino a costoro".

Il ministro della Giustizia Andrea Orlando ha chiesto un rapporto informativo al capo Dipartimento organizzazione giudiziaria in merito alla vicenda e ha chiesto di assicurare alla Procura di Napoli ogni possibile collaborazione istituzionale. "Resta inteso che il Ministero della Giustizia - fa sapere via Arenula - si riserva di valutare la condotta del dirigente indagato anche ai fini delle opportune iniziative cautelari".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Agenti della polizia tedesca
GERMANIA | TERRORISMO

Pianificavano attentato al mercatino di Natale: 6 arresti

Per l'attacco i fermati intendevano utilizzare armi ed esplosivo
Il premier Gentiloni e la segretaria generale Cgil, Susanna Camusso
PENSIONI

La Cgil boccia la proposta del Governo

Gentiloni: "Misure rilevanti e sostenibili. Camusso critica: "Mobilitazione il 2 dicembre"
CASCINA

Proiettili al sindaco donna che combatte gli stupri

Bossoli accompagnati da una lettera in cui la Ceccardi viene accusata di razzismo
VIOLENZA SUI MINORI

Sposa a nove anni a Padova: la Procura smentisce

La terribile notizia diffusa da un quotidiano locale stamattina
Oguz Guven
TURCHIA

Il direttore di Cumhuriyet web condannato per terrorismo

Oguz Guven dovrà scontare 3 anni e 1 mese per un tweet sulla morte sospetta di un magistrato
Sciopero nazionale dei taxi
SCIOPERO NAZIONALE DEI TAXI

Salta la trattativa col ministero, auto bianche ferme in tutta Italia

I sindacati hanno definito "insufficiente" il decreto attuativo emesso dal governo dopo l'accordo dello scorso...
L'asteroide 1I/2017 U1 o Oumuamua
OGGETTI INTERSTELLARI

Ecco Oumuamua, l'asteroide alieno

Osservato il 17 ottobre, presenta una forma simile a un sigaro e viene da fuori il Sistema solare
Marte, il cratere Schiaparelli
ROMA | MOSTRA RED HOPE

I paesaggi di Marte diventano opere d'arte

Per la realizzazione di queste opere, l'artista ha utilizzato i telai dei laboratori artigianali di un villaggio indiano nei...
Vigili del fuoco in India
INDIA

Scoppia un incendio in fabbrica: almeno 10 morti

Nel 2013, scondo l'Ilo, su un totale di 402 milioni di lavoratori, ci sono stati oltre 40 mila incidenti mortali sui luoghi...
Putin e Assad
SOCHI

Putin vede Assad: "Terrorismo verso la sconfitta"

Il presidente russo: "Le operazioni si avviano a conclusione. Ora avanzi il processo politico"
Angela Merkel
GERMANIA

Merkel punta a nuove elezioni

Manca ancora l'accordo per il governo. La cancelliera non vuole un esecutivo di minoranza
Il videomessaggio del Pontefice
PAPA FRANCESCO

"I credenti promuovano la reciproca comprensione"

Videomessaggio alla popolazione del Bangladesh alla vigilia del viaggio apostolico
Alessandro Di Battista
LA DECISIONE

Di Battista lascia: "Ma resto nel M5s"

Uno dei maggiori leader pentastellati esce dai palazzi: "Voglio scrivere e girare il mondo". E i militanti già...
Il sottomarino Ara San Juan
SOTTOMARINO DISPERSO

"I segnali non sono del 'San Juan'"

La Marina militare argentina smentisce che i suoni captati dai sonar appartengano al sommergibile, sparito dai radar da 5 giorni