VENERDÌ 10 APRILE 2015, 12:08, IN TERRIS

IN MANETTE NEL CATANESE IL BOSS MAFIOSO NUCCIO MAZZEI

L'uomo era latitante dallo scorso aprile

AUTORE OSPITE
IN MANETTE NEL CATANESE IL BOSS MAFIOSO NUCCIO MAZZEI
IN MANETTE NEL CATANESE IL BOSS MAFIOSO NUCCIO MAZZEI
Il boss latitante 'Nuccio' Mazzei, figlio dello storico capomafia Santo, detto 'U carcagnusu' - detenuto al 41bis e 'uomo d'onore' collegato a Leoluca Bagarella e Giovanni Brusca -  è stato arrestato dalla polizia di Catania in collaborazione il Servizio centrale operativo di Roma. L'uomo ritenuto alla guida dall'omonimo clan mafioso, era latitante dall'aprile dello scorso. Gli agenti della squadra mobile lo hanno arrestato a Ragalna, paese siciliano dove si nascondeva con la moglie.

Nell'aprile dello scorso anno Mazzei era riuscito a sfuggire al blitz denominato Scarface della Guardia di Finanza di Catania. Secondo l'accusa, il boss e i suoi collaboratori gestivano gli affari dei 'Carcagnusi', e in particolare il "reinvestimento dei proventi derivanti dalle attività illecite - come estorsioni e bancarotte aggravate dal metodo mafioso - attraverso l'acquisto di attività economiche, tutte fittiziamente intestate a prestanome".

Il secondo ordine d'arresto per l'uomo risale all'8 luglio 2014 quando la Dia di Catania e i Carabinieri di Randazzo eseguirono l'operazione antimafia 'Ippocampo'. Il boss era accusato di associazione mafiosa e traffico di droga in collegamento con organizzazioni criminali calabresi della Piana di Gioia Tauro. Secondo l'accusa, il clan esercitava una posizione di predominio criminale nel rione San Cristoforo di Catania e, secondo quanto riferito da più pentiti alla Dda della Procura, avrebbero avuto un ruolo nel progetto di guerra di mafia tra i 'Carateddi' e la 'famiglia' Santapaola che fortunatamente fu scongiurata dagli arresti eseguiti dalla forze dell'ordine.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Recep Tayyip Erdogan
CAOS GERUSALEMME

Erdogan al vetriolo: "Israele terrorista"

Il presidente turco apre il vertice dell'Oic: "La Città santa sia capitale della Palestina"