MARTEDÌ 04 LUGLIO 2017, 17:35, IN TERRIS

Ilaria Alpi, la Procura di Roma chiede l'archiviazione dell'inchiesta

L'inviata del Tg3 venne assassinata il 20 marzo 1994 in un agguato a Mogadiscio, in Somalia

AUTORE OSPITE
Ilaria Alpi, la Procura di Roma chiede l'archiviazione dell'inchiesta
Ilaria Alpi, la Procura di Roma chiede l'archiviazione dell'inchiesta
Impossibilità di risalire al movente, identificare gli esecutori materiali degli omicidi e nessuna prova di presunti depistaggi. Sono queste le motivazioni che hanno spinto la Procura di Roma a chiedere l'archiviazione dell'indagine sulla morte dell'inviata del Tg3 Ilaria Alpi e dell'operatore Miran Hrovatin, assassinati il 20 marzo 1994 in un agguato a Mogadiscio, in Somalia.

Presentato un provvedimento di 80 pagine


Nelle 80 pagine di provvedimento - presentate dal pm Elisabetta Cennicola, previo visto del procuratore Giusepe Pignatone - che sarà ora vagliato dal gip, si spiega non solo che non è stato possibile attivare una serie di accertamenti in Somalia ma anche che l'unico condannato di questa vicenda, il presunto miliziano somalo Omar Hashi Hassan, è stato assolto a Perugia nel processo di revisione che ha messo in luce una serie di anomalie nella gestione di quello che per anni è stato considerato il "supertestimone", rivelatosi poi falso, Ahmed Ali Rage, detto Gelle.

La falsa testimonianza di Ahmed Ali Rage


Proprio Rage, durante le indagini preliminari, tirò in ballo Hassan, accusandolo di aver fatto fuoco contro i due italiani e poi alla fine del 1997 sparì dalla circolazione ben prima che il processo avesse inizio. Rage, rintracciato poi in Inghilterra da una cronista del programma tv "Chi l'ha visto?" pochi anni fa, ha ammesso di non essere mai stato sul luogo dell'agguato e di aver coinvolto Hassan, in cambio di benefici, solo perché "gli italiani avevano fretta di chiudere il caso". Il somalo, dichiarò che in cambio della sua testimonianza ottenne la promessa che avrebbe lasciato la Somalia. In base agli accertamenti svolti - che hanno comportato l'audizione di tutti coloro che gestirono quello che poi si rivelò un falso testimone, non sono emersi elementi che possano far pensare a un depistaggio.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Prostitute
ORDINANZA COMUNALE

Lotta alla prostituzione: Rimini in prima linea

Carcere e segnalazione al fisco per i clienti delle "lucciole"
Jana Novotna con il trofeo vinto a Wimbledon, nel 1998
TENNIS

Addio a Jana Novotna, la regina del doppio

La tennista ceca si è arresa al canrco a 49 anni. In carriera una vittoria a Wimbledon nel singolo, nel 1998
Domenica Rita Adriana Bertè (Mimì) alias Mia Martini
TRIBUTO

Mantova ricorda Mia Martini: quest'anno avrebbe compiuto 70 anni

La direzione artistica è affidata a Mimmo Cavallo
Il pianeta gassoso Giove
SISTEMA SOLARE

L'acqua terrestre viene da Giove

Ridimensionata la teoria secondo la quale proverrebbe da asteroidi e comete
L'on. Franceschini all'inaugurazione di
MOSTRA

Napoli: al via "Pompei@Madre. Materia Archeologica"

Franceschini: "Inaugurata la mostra più importante dell'anno in Italia"
CAMORRA

Napoli, blitz contro clan Lo Russo: 43 arresti

Sono accusati, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso