Il maltempo flagella l’India: 218 morti per le inondazioni in Gujarat

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:30

Almeno 218 persone hanno perso la vita a causa delle piogge monsoniche che hanno flagellato nei giorni scorsi lo stato occidentale di Gujarat, in India. Sono questi i numeri della tragedia resi noti nell’ultimo bollettino del Centro Statale per le operazioni di emergenza (Seoc).

Il bilancio aggravato negli ultimi due giorni

Un responsabile dell’organismo ha precisato che il bilancio delle vittime è cresciuto negli ultimi due giorni, a mano a mano che le acque si sono ritirate dalle zone alluvionate. “Il distretto più colpito – ha sottolineato – è stato quello di Banaskantha, con 61 morti”. Le inondazioni causate dalle piogge, dallo straripamento dei fiumi e dalle acque fuoriuscite da due dighe (Dantiwada e Sipu) hanno danneggiato 450.000 persone, quasi 40.000 delle quali hanno dovuto cercare riparo in zone sicure. “La situazione – ha infine assicurato – sta lentamente tornando alla normalità”.

Almeno 11 morti a causa dei fulmini

Inoltre, nello stato orientale di Bahir, almeno undici persone sono morte a causa dei fulmini che hanno accompagnato le piogge monsoniche. A riferirlo è l’agenzia di stampa Pti. Rajendra Panda, responsabile della Protezione civile locale, ha precisato che altre otto persone sono rimaste ferite nei distretti interessati di Bhadrak, Balasore e Kendrapara. Per lo più, ha infine detto, le vittime sono contadini che lavoravano nei campi nonostante i temporali e abitanti di alcuni villaggi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.