MERCOLEDÌ 11 SETTEMBRE 2019, 14:29, IN TERRIS

MALATTIE

Il batterio New Delhi ha ucciso 30 persone in Toscana

Colpisce gli immunodepressi e resiste agli antibiotici di secondo livello. È il focolaio più grande del mondo

LORENZO CIPOLLA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Un enterobatterio
Un enterobatterio
U

n killer invisibile ma letale si aggira per la Toscana e ha già ucciso quasi la metà delle sue vittime in dieci mesi. Si tratta del batterio New Delhi, un agente patogeno della famiglia delle enterobacteriacee isolato per la prima volta nel 2008. Lo avrebbe "importato" un paziente svedese che era stato curato a Nuova Delhi durante un viaggio in India, da cui il nome. A destare maggiore preoccupazione e allarme, quello toscano è il focolaio del batterio più grande al mondo finora mai registrato. La sua zona di caccia sono gli ospedali, ma si teme che presto potrà diffondersi anche fuori dalla regione. Quello che rende pericoloso questo microrganismo è la sua resistenza agli antibiotici e il fatto che colpisce principalmente i soggetti ospedalizzati più vulnerabili.


I casi

Da novembre 2018 il batterio ha colpito 708 persone, con un picco tra i mesi di marzo e luglio. Di queste, 75 si sono ammalate di infezione del sangue (sepsi). Il 40% di loro è morto. Si tratta nella maggior parte dei casi, di persone anziane già colpite da altre malattie, pazienti che si sottopongono a sedute di chemioterapia, grandi ustionati, chi ha subito interventi chirurgici invasivi. I dati sul contagio e la mortalità di questo ceppo batterico, che vive e si riproduce nell'intestino, sono stati presentati mercoledì 11 settembre nell'aggiornamento dell'Agenzia Regionale della Sanità. L'area più interessata alla diffusione dell'infenzione ospedaliera è quella Centro-Nord della Toscana, le strutture in cui sono stati osservati dei casi sono in tutto 17, 15 ospedali e due centri specialistici. Il più colpito è il policlinico Cisanello di Pisa, con 31 casi di enterobatterio, seguono gli Spedali riuniti di Livorno con nove pazienti in cui è stata riscontrata la sepsi, otto invece i casi in Versilia.


Antibioticoresistenza

Se fino a poco tempo la presenza di questo micropatogeno era più unica che rara in Toscana, uno studio del Centro europeo sulla prevenzione e il controllo delle malattie di giugno suonato l'allarme per la sua rapida propagazione e sul rischio che esca dai nostri confini. A fine luglio, in un decreto dirigenziale, la Regione Toscana ha spiegato quali fossero le cause della proliferazione del batterio. L'elevato uso di antibiotici e l'incompleta applicazione di misure che ne impedissero la trasmissione in ambiente ospedaliero tra i pazienti ricoverati in terapia intensiva, a oncologia, in cardiochirurgia e nel reparto di malattie infettive. Il gran consumo di farmaci che facciamo per stare curarci si rivela un'arma a doppio taglio contro questo batterio, che ha una caratteristica: l'antibioticoresistenza. Produce infatti l'enzima New Delhi Metallo beta-lactamase (Ndm), che gli permette di contrastare e annullare gli effetti degli antibiotici di secondo grado, tra cui quelli carbapenemici ad ampio spettro d'azione.


Le contromisure

Da diversi mesi il tema è arrivato al centro del tavolo di lavoro regionale sul Piano nazionale di contrasto all'antimicrobico-resistenza e ha sollecitato una stretta collaborazione tra gli ospedali e gli enti locali. A maggio è stata data vita a un'unità di crisi presso l'Assessorato della salute, che ha diffuso una serie di indicazioni utilli per la prevenzione e il contenimento del  batterio New Delhi. In tutti gli ospedali della Toscana si eseguono esami screening di massa per sorvegliare l'evoluzione del fenomeno. Il Corriere fiorentino, dorso locale del Corriere della Sera, riporta inoltre il parere dell'infettivologo Corrado Catalani sulla quantità di antibiotici che usiamo e sulle sue conseguenza: "Se ne usano troppo spesso, in molti casi anche attraverso autoprescrizioni, anche quando non sono necessari. Ma altrettanto spesso i cicli non vengono conclusi perché il malato una volta che sta bene interrompe la terapia". Oltre al ricorso diretto, il medico ne sottolinea l'uso anche in altri settori: "C'è un uso smodato di antibiotici nell'agricoltura e nell'allevamento. Siamo bombardati da piccole quantità di antibiotici, i batteri si adattano e imparano a difendersi". 

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Rovine a Idlib
LA TRAGEDIA

Siria, raid aerei sulle scuole di Idlib

Strage durante un bombardamento: almeno 25 vittime secondo StC, fra le quali una bimba di 9 anni
Giuseppe Conte e Luca Ceriscioli
CORONAVIRUS

Le Marche chiudono le scuole, il governo impugna l'ordinanza

Provvedimento firmato dal presidente Ceriscioli per via di un caso a Cattolica. Scontro fra Regione ed esecutivo
L'alto rappresentante per gli Affari esteri e la politica di sicurezza dell'Unione europea, Josep Borrell, durante una conferenza stampa a Bruxelles, febbraio 2020 - Foto © AP
BRUXELLES E TRIPOLI

Libia, l'ok dell'Ue alle prove di pace

Dopo le recenti tensioni fra governo e milizie locali, una piccola speranza alla vigilia dei colloqui
Attilio Fontana e Giuseppe Conte
L'EPIDEMIA

Coronavirus, appello all'unità dopo le tensioni

Conte critico sull'ospedale di Codogno, scatena l'ira della Lombardia. Poi l'invito alla calma. Fontana sul virus:...
Regno Unito
L'EPIDEMIA

Regno Unito, quarantena per chi arriva dal Nord Italia

Provveidmenti anche nei Paesi Bassi. Il Kuwait ferma il traffico aereo con il nostro Paese, stop alle gite da Croazia, Grecia e...
Un vigile del fuoco salva un koala dalla foresta in fiamme
SCIENZA

Australia, gli scienziati: "Incendi senza precedenti"

I dati choc su una rivista scientifica: la peggiore in 230 anni di storia coloniale
VITA

La preghiera a Maria che ha commosso tutta Palermo

Scritta nella notte davanti al reparto di Oncologia, racconta della rinascita di una donna dopo il cancro
Il Magic Bus dove Chris McCandless visse gli ultimi mesi della sua vita
LA DISAVVENTURA

Tentano di raggiungere il Magic Bus: tragedia sfiorata in Alaska

Cinque escursionisti italiani soccorsi dopo essersi smarriti sullo Stampede Road: tornavano dal bus di Into the Wild
L'EPIDEMIA

Coronavirus, in Iran altri 3 decessi: sale a 15 il bilancio delle vittime

L'ayatollah Yussef Sanei ha invitato a evitare le moschee nel nome della Sharia e del buon senso
Hosni Mubarak, ex presidente dell'Egitto, assiste a una cerimonia davanti al monumento del Milite Ignoto a Mosca, 2008 - Foto © Misha Japaridze per AP
EGITTO

È morto Mubarak, il leader deposto dalla Primavera Araba

Protagonista della ricrescita economica dell'Egitto, dal 2011 ebbe numerosi processi
Il Premier Conte all'arrivo presso la sede della Protezione CIvile
SUMMIT ALLA PROTEZIONE CIVILE

Conte sul Coronavirus: "No a drammatizzazioni o allarmismi"

Il Premier: "Protocollo condiviso con tutti per evitare di andare in ordine sparso"
Un frame della trasmissione Storie Italiane andata in onda il 25 febbraio - Foto © Rai
STORIE ITALIANE

Coronavirus, Don Buonaiuto: "La responsabilità miglior antidoto"

Ospite della trasmissione Rai, il sacerdote ha fatto appello alla solidarietà nell'emergenza. Forti le sue parole sul...
L'EPIDEMIA

Coronavirus, negli Usa vaccino sperimentale pronto per i test

La sperimentazione clinica dovrebbe iniziare entro la fine di aprile su circa 20-25 volontari sani
Dia
DDA REGGIO CALABRIA

'Ndrangheta: chiesto l'arresto per un senatore di Forza Italia

Legami con la cosca "Alvaro" di Sinopoli: 65 arresti tra cui un consigliere regionale
Migrante
AMERICA LATINA

Al via la campagna quaresimale della Fraternità 2020

Aiuto ai migranti, difesa della vita e riconciliazione nazionale i temi centrali
IMPRESE

Così l'Italia inventa vie d'uscita dalla crisi

Boom di brevetti industriali. Tre regioni creano il 60% delle innovazioni produttive di tutta Europa