GIOVEDÌ 14 MARZO 2019, 15:39, IN TERRIS


LIVORNO

Identificato il cadavere ripescato in mare vent'anni fa

Si tratta di un croato scomparso da Bol (in Dalmazia) quando aveva 34 anni

MILENA CASTIGLI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Zlatko Brajko
Zlatko Brajko
D

opo oltre 21 anni di mistero, ha finalmente un nome il cadavere ripescato in mare nel luglio del 1998 al largo dell'isola di Capraia, in provincia di Livorno. Si tratta di un croato, Zlatko Brajko, scomparso da Bol, città dell'isola di Brac sulla costa Dalmata. Nato il 12 maggio 1964, alto 1.85 cm, biondo, occhi azzurri, quando morì aveva 34 anni. In mancanza di identificazione, il corpo di quell'uomo recuperato in mare aperto venne anonimamente tumulato nel cimitero comunale di Livorno, dove è tuttora custodita la salma. 


Le ricerche 

L'identificazione è stata possibile grazie alla tenacia del commissario Ilario Sartori della Polmare di Livorno che, andato in pensione dal 2016, ha continuato a scavare per cercare indizi per chiudere il caso. E così l'ex poliziotto, mentre stava effettuando alcune ricerche on line, ha trovato le risposte che cercava individuando la foto di uno scomparso croato pubblicata su un sito in inglese precedentemente mai consultato perché aperto recentemente. Nell'appello internet si leggeva: "Nel 1998 Zlatko Brajko viveva sull'isola croata di Brac. A un certo punto, nel mese di luglio del 1998, lasciò la sua casa e andò all'estero. Da allora non si sa dove si trovi". Le ricerche effettuate oltre vent'anni fa furono infruttuose. Al tempo, l'indizio principale su cui si lavorò era la fede nuziale che indossava al dito con inciso il nome "Caterina", ma quella donna - presumibilmente la moglie - non fu mai trovata. Finalmente, dopo 21 anni di attesa, il suo definitivo riconoscimento. Grazie alla tenacia di un uomo. 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Sea Watch
MIGRANTI

Il comandante della Sea Watch ai pm: "Rifarei tutto"

Arturo Centore, interrogato alla Procura di Agrigento, si sarebbe assunto la piena responsabilità di quanto accaduto
Migranti
GOVERNO

Sicurezza bis, via il riferimento al soccorso dei migranti

Nuova bozza che punta a risolvere le criticità palesate dal Colle. Il Viminale: "Ora l'approvazione"
Manifesto con il volto di Stefano Cucchi
IL PROCESSO

Cucchi, Arma e Difesa chiedono di essere parte civile

Il gip Antonella Minunni si è riservata di decidere. Ilaria Cucchi: "Una cosa senza precedenti"
Incendio doloso alla sede della municipale di Mirandola (MO)
MIRANDOLA

Rogo nella sede dei vigili: due morti. Arrestato un uomo

Le fiamme di origine dolosa: fermato un nordafricano. Salvini: "Azzerare immigrazione clandestina"
Niki Lauda
F1

Lauda, il pilota che capiva la macchina

Un campione discreto, con l'orecchio assoluto per l'automobile
Ambulanza (immagine di repertorio)
MORTI BIANCHE

Piacenza, operaio muore sotto una lastra d'acciaio

La tragedia in un'azienda meccanica, la vittima aveva 68 anni
Isaias Rodriguez
L'ANNUNCIO

Venezuela: si dimette l'ambasciatore in Italia

Il diplomatico ha spiegato la sua decisione in una lettera a Maduro
Don Buonaiuto a
PROSTITUZIONE

Don Buonaiuto: "Basta proteggere gli schiavisti"

Il prete di strada a "Storie Italiane": "Clienti pensano di poter comprare corpi"