MARTEDÌ 16 GIUGNO 2015, 002:30, IN TERRIS

HONG KONG, IN MIGLIAIA IN PIAZZA CONTRO LA RIFORMA ELETTORALE. 9 ARRESTI

Gli attivisti sono stati fermati perché in possesso di esplosivi

AUTORE OSPITE
HONG KONG, IN MIGLIAIA IN PIAZZA CONTRO LA RIFORMA ELETTORALE. 9 ARRESTI
HONG KONG, IN MIGLIAIA IN PIAZZA CONTRO LA RIFORMA ELETTORALE. 9 ARRESTI
Seppur al di sotto delle aspettative degli organizzatori, che contavano sulla presenza di almeno 50mila manifestanti, migliaia di attivisti pro-democratici hanno sfilato per le strade del centro di Hong Kong per protestare contro il pacchetto di nuove leggi che prevede anche la riforma della legge elettorale. Le autorità hanno aumentato il cordone di sicurezza di fronte agli edifici governativi nell'area degli Admiralty e hanno sgomberato un'area dove sono stati rinvenuti oggetti definiti pericolosi dagli agenti.

Si tratta del primo di una serie di raduni che prenderanno piede nei prossimi giorni, fino a quando i deputati non voteranno per le riforme. Nella mattinata di oggi nove attivisti radicali sono stati arrestati a Hong Kong per la detenzione di materiale esplosivo. Il materiale - Tatp, perossido di acetone - è stato sequestrato in un edificio che in precedenza ospitava gli studi televisivi dell'emittente Atv e successivamente fatto brillare dagli artificieri. Secondo la polizia, scrive il South China Morning Post di Hong Kong, il materiale ritrovato avrebbe potuto essere utilizzato per provocare un'esplosione davanti al palazzo dell'Assemblea Legislativa, il mini-parlamento dell'isola. A finire in manette sono cinque uomini e quattro donne di età compresa tra i 21 e i 34 anni, fermati dopo alcuni raid in diverse aree dell'ex colonia britannica.

Questa settimana, l'Assemblea Legislativa di Hong Kong dovrà discutere la riforma della legge elettorale, fortemente contestata dai movimenti studenteschi e degli attivisti pro-democratici dell'isola. Secondo le prime proiezioni, i gruppi parlamentari democratici potrebbero avere i numeri per bloccare la proposta di riforma, mantenendo la situazione di stallo politico tra l'amministrazione, favorevole alla riforma, e i gruppi pro-democratici che vogliono una legge elettorale fondata sui principi del suffragio universale. Tra il settembre e il dicembre scorso decine di migliaia di manifestanti pro-democratici hanno sfilato per le vie centrali della città per 75 giorni, chiedendo la nomina popolare dei candidati alle prossime elezioni del 2017, invece della proposta di legge proveniente da Pechino che prevede una pre-selezione degli stessi da parte di un comitato di 1200 membri vicino al governo cinese.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
La navetta Soyuz
MISSIONE VITA

Rientrata la Soyuz con a bordo Paolo Nespoli

La navetta è atterrata nella steppa del Kazakistan dopo 139 giorni nello spazio
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
Il ministro Mohamed Taher Siala
MIGRANTI

Tripoli replica ad Amnesty: "Rapporto esagerato"

Il ministro libico degli Esteri: "L'Italia ci sta aiutando. Abusi? C'è una commissione al lavoro"
Jorge Glas
CASO ODEBRECHT

Condannato il vicepresidente dell'Ecuador

Sei anni a Jorge Glas, già sospeso dalle funzioni: avrebbe intascato 14 milioni di dollari in tangenti