Guardia costiera italiana salva migranti nelle acque di Malta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:33

Una notte agitata per i migranti in fuga, ma con due lieto fine. È in viaggio verso La Valletta l'imbarcazione della Guardia costiera italiana che ha recuperato poco meno di cento persone da un barchino di legno che si trovava in zona Sar (Search & rescue) di Malta. L'operazione di trasbordo si è conclusa prima dell'alba. Sempre nella notte, dieci migranti sono sbarcati autonomamente a Lampedusa e ricoverati nell'hotspot dell'isola.

Italia chiama, Malta non risponde

Tutto ha inizio grazie ad Alarm Phone, il numero di emergenza che raccoglie le segnalazioni delle imbarcazioni dei migranti in pericolo e diffonde l'SOS. Sarebbe stata l'organizzazione tenuta in piedi da un rete di di attivisti europei e nordafricani ad avvisare le autorità maltesi e italiane che c'erano persone a rischio di annegare nel mare di Malta. La Valletta è entrata in azione per prima, chiedendo al Centro di coordinamento del soccorso marittimo italiano di intervenire, mentre il suo Centro del soccorso marrittimo avrebbe coordinato le operazioni. L'Italia ha inviato quindi le motovedette della sua Guardiacostiera in zona Sar maltese, i migranti sono stati recuperati alle 4:40 del mattino. A quel punto è partita la richiesta a Malta di invio di un pattugliatore, per poter trasferire le novanta persone a bordo di una nave sotto l'autorità de La Valletta, poiché ci si trovava all'interno della sua zona di salvataggio e recupero. La risposta però non sarebbe mai arrivata. Le navi della nostra Guardia costiera sono in viaggio verso Malta in attesa di ulteriori istruzioni da parte delle autorità dell'isola.

I sommersi e i salvati

Mentre le grandi trattative e le grandi operazioni vanno avanti sotto l'occhio attento dei mezzi d'informazione e della politica, continuano gli sbarchi autonomi e sale il numero delle vittime del mare. Sono arrivati ieri a Lampedusa, verso le due di notte, a bordo di un barchino dieci migranti tunisini. Il loro approdo è stato seguito e gestito dalla Capitaneria di porto, una volta arrivati sull'isola siciliana sono stati accompagnati dai carabinieri presso l'hotspot locale per la prima accoglienza. Oggi dovrebbero essere trasferiti, lo scrive La Repubblica. Ocean Viking ha recuperato 48 persone da una barca in difficoltà a 53 miglia marine al largo della Libia. Intanto Alarm Phone dà notizia su Twitter, citando fonti tusine, che a largo di Sfax ci sarebbe stato un naufragio con dei morti. Le ricerche della Guardia costiera della Tunisia e dei pescatori della zona hanno trovato finora otto cadaveri, ma ci si aspetta di trovarne molti di più.

#show_tweet#

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.