MERCOLEDÌ 13 MAGGIO 2015, 12:30, IN TERRIS

GIUSTIZIATO IN TEXAS UN PLURIOMICIDA, E' IL SETTIMO DELL'ANNO

L'uomo era accusato della morte della sua fidanzata di 15 anni, della madre e del nonno di lei

AUTORE OSPITE
GIUSTIZIATO IN TEXAS UN PLURIOMICIDA, E' IL SETTIMO DELL'ANNO
GIUSTIZIATO IN TEXAS UN PLURIOMICIDA, E' IL SETTIMO DELL'ANNO
Un detenuto del Texas è stato giustiziato ieri perché colpevole della sua fidanzata, all'epoca dei fatti aveva solo 15 anni, della madre e del nonno di lei. E' stato giustiziato con l'iniezione letale dopo che la Corte Suprema aveva deciso di rifiutare il ricorso - presentati dagli avvocati dell'uomo - per i dubbi sollevati sulla sua salute mentale. Secondo il legale della difesa durante il processo agli psichiatri non è stato permesso di valutare correttamente lo stato delle condizioni psichiche del suo assistito. Charles, 32 anni e di origini afroamericane, è il settimo detenuto che viene giustiziato nel 2015 in Texas, che ha il "primato" di stato americano con il maggior numero di carcerati giustiziati.

"Il Texas accetta di uccidere una persona la cui sanità mentale è così labile da non aver nemmeno compreso la ragione per cui è stato giustiziato", ha spiegato l'avvocato, sottolineando la contraddizione di quanto stabilito dalla Corte Suprema, ossia che i prigionieri condannati a morte devono comprendere il fatto di essere sul punto di venir giustiziati e capire razionalmente le ragioni per cui si è presa questa decisione.

Nel luglio del 2002 Derrick Dewayne Charles, allora di 19 anni, uccise la sua fidanzata di 15 anni, la madre di 44 e il nonno di 77. I corpi vennero trovati nella loro casa di Houston, mentre il ragazzo venne arrestato il giorno seguente in un motel, dove si era recato usando l'auto della madre della sua fidanzata. Gli omicidi vennero considerati così brutali tanto da far condannare l'uomo alla pena capitale invece che all'ergastolo.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Bibbia su smartphone
GERMANIA

In un'App la nuova traduzione della Bibbia

La versione in tedesco della Sacra Scrittura è gratuita per iOs e Android
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Medico in corsia (repertorio)
SCIOPERO DEI MEDICI

A rischio 40 mila interventi chirurgici

Incrociano le braccia in 134 mila. Lorenzin: "Sono al loro fianco"
La bandiera del Puerto Rico
I LEADER RELIGIOSI DEL PUERTO RICO

"Stop all'aumento delle tasse o la ripresa sarà impossibile"

Cattolici ed evangelici in una lettera al Congresso Usa: "Non siamo cittadini di serie b"
Catalani al voto (repertorio)
CATALOGNA

Sondaggi incerti: sul voto peserà il dato dell'affluenza

Si recherà alle urne l'82% dei cittadini e questo potrebbe spostare gli equilibri
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...