GIOVEDÌ 04 FEBBRAIO 2016, 19:30, IN TERRIS

GERMANIA, SVENTATO ATTENTATO AL CHECKPOINT CHARLIE: 3 ARRESTI

Dietro il piano ci sarebbe un gruppo dirigente dell'Isis in Siria, lo stesso che ha ideato gli attentati dello scorso 13 novembre a Parigi

REDAZIONE
GERMANIA, SVENTATO ATTENTATO AL CHECKPOINT CHARLIE: 3 ARRESTI
GERMANIA, SVENTATO ATTENTATO AL CHECKPOINT CHARLIE: 3 ARRESTI
Grazie ad un blitz effettuato dalla polizia tedesca tre sospetti che progettavano un attentato contro il Checkpoint Charlie - simbolo della città di Berlino e della divisione tra est e ovest - sono stati arrestati. Dietro il piano ci sarebbe un gruppo dirigente dell'isis in Siria, lo stesso che ha ideato gli attentati dello scorso 13 novembre a Parigi.

L'informazione decisiva alle autorità tedesche per far partire il blitz sarebbe arrivata da "un servizio di sicurezza straniero", stando al giornale. Da ambienti dei servizi tedeschi, il quotidiano berlinese ha appreso che "con il Checkpoint Charlie si sarebbe dovuto colpire un obiettivo turistico". La polizia sarebbe entrata in azione oggi perché cinque sospetti membri della cellula terroristica - oltre ai tre fermati ci sono altri due ricercati - non parlavano più del piano da diversi giorni. I cinque erano osservati da servizi e polizia: "Quando hanno smesso di comunicare tra di loro sull'attentato c'era da temere che avessero concluso il piano", hanno riferito i servizi.

Gli inquirenti tuttavia non escluderebbero anche che i sospetti terroristi avessero deciso di abbandonare il progetto. In precedenza la Bild aveva indicato la centrale Alexanderplatz come obiettivo dell'attentato a Berlino. Anche in questo caso un luogo di grande attrazione turistica, oltre che uno snodo di traffico importante della città. Su questa ipotesi, il portavoce degli inquirenti Martin Steltner non ha però voluto dir nulla, secondo quanto riferisce la Zeit.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Un dipendente Ryanair
RYANAIR

Calenda: "Lettera indegna", il Garante: "Incostituzionale"

Il ministro: "Chi è sul mercato deve rispettare le regole". Furlan: "Compagnia arrogante"
Doug Jones durante un comizio (repertorio)
USA|VOTO IN ALABAMA

Vince Jones, schiaffo a Trump

Il candidato dem prevale su Moore. I repubblicani perdono una roccaforte del sud