VENERDÌ 01 MAGGIO 2015, 003:01, IN TERRIS

GERMANIA: NEONAZISTI SEQUESTRANO E TORTURANO UN UOMO PER UNA SETTIMANA

La vicenda scioccante è avvenuta a Kassel, al centro del Paese

AUTORE OSPITE
GERMANIA: NEONAZISTI SEQUESTRANO E TORTURANO UN UOMO PER UNA SETTIMANA
GERMANIA: NEONAZISTI SEQUESTRANO E TORTURANO UN UOMO PER UNA SETTIMANA
Vicenda shock in Germania: due neonazisti hanno sequestrato e torturato per una settimana un uomo di 46 anni a Kassel, una città nell’entroterra tedesco. A quanto ha confermato un portavoce del procuratore Goetz Wied, la polizia ha arrestato due persone: Bernd T, 40 anni, e un uomo di 27 anni, entrambi membri di un club si estrema destra, “Sturm 18 Cassel”. Bernd T. era già conosciuto, perché era stato chiamato a deporre al processo a Monaco contro Beate Zchaepe, unica sopravvissuta della cellula neonazista accusata dei “delitti del kebab”.

Secondo l’accusa, i due hanno tenuto il prigioniero il 46enne in un appartamento di Kassel, fra l’8 e il 15 aprile. L’uomo è riuscito a fuggire dopo sette giorni di prigionia, durante i quali è stato picchiato, derubato e rasato a zero, riporterebbe per ora fratture alle costole e diverse ecchimosi. Arrestati ieri, i due neonazisti non hanno risposto agli inquirenti. Al momento non sono chiare le motivazioni di un tale gesto, ma la polizia sta indagando anche su un altro uomo e una donna che avrebbero permesso l’uso dell’appartamento.

Bernd T aveva mandato la settimana scorsa una email al tribunale di Monaco, spiegando di non poter deporre al processo della Zschaepe perché “ammalato”. L’uomo, che aveva già testimoniato a febbraio, vestito con giubbotto e pantaloni militari, aveva detto di non aver comunque nulla da aggiungere. Al centro del processo in corso in Baviera vi è una serie di dieci omicidi commessi da una cellula di tre neonazisti, due dei quali si sono suicidati nel 2011 per sfuggire all'arresto. Le vittime erano prevalentemente immigrati turchi, uccisi fra il 2000 e il 2006.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Medico in corsia (repertorio)
SCIOPERO DEI MEDICI

A rischio 40 mila interventi chirurgici

Incrociano le braccia in 134 mila. Lorenzin: "Sono al loro fianco"
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...
prostitute
PROSTITUZIONE

Cisl Campania contro la tratta

Una conferenza a Napoli per promuovere strumenti di contrasto al fenomeno
Donald Trump
ATTACCO A NEW YORK

Trump: "Pene più severe per i terroristi"

Appello al Congresso: "Sistema lassista. Urgenti riforme sull'immigrazione"
L'esultanza dei Granata
CALCIO | SERIE A

Lazio, Immobile-rosso: il Toro espugna l'Olimpico

I granata vincono 3-1 a Roma ma è furia biancoceleste per l'espulsione dell'attaccante
VAPRIO D'ADDA

Uccise ladro in casa: archiviata l'accusa di omicidio

Riconosciuta la legittima difesa a Francesco Sicignano: colpì a morte un giovane albanese nel 2015