Genova, incendio nel cantiere del nuovo viadotto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:33

Un grosso incendio è divampato all'interno del cantiere per il nuovo ponte di Genova sul Polcevera. A prendere fuoco materiale dentro la pila 13 della nuova struttura, sil lato est: le fiamme hanno avvolto l'intera pila, ma non si registrano feriti. Sul posto sono intervenute cinque squadre dei vigili del fuoco e la via Fillak è stata chiusa al traffico per consentire le operazioni in sicurezza.

Errore umano

Come riporta Genova24.it, secondo la prime ricostruzioni all’origine del rogo potrebbe esserci un errore umano, visto che erano in corso le lavorazioni per la ricostruzione del viadotto, parzialmente crollato il 14 Agosto 2018, causando la morte di 43 persone e quasi 600 sfollati. Secondo quanto ricostruito dai Vigili del fuoco e dalla Polizia, il rogo sarebbe infatti partito da un flessibile usato da un operaio, le cui scintille avrebbero raggiunto del polistirolo. I pompieri hanno usato l'autoscala per raggiungere l'origine dell'incendio, adesso sotto controllo. L'incidente causerà un ulteriore ritardo nei lavori. Nelle scorse settimane il sindaco-commissario Marco Bucci aveva già annunciato un ritardo nella fine delle operazioni di un mese e mezzo circa. “Avevamo circa 4 settimane di ritardo ma stiamo lavorando per recuperare”, aveva detto lo scorso 20 dicemmbre  il sindaco e commissario per la ricostruzione del viadotto Polcevera, a proposito dei tempi per riavere il ponte, su Ansa. “Lavoriamo per tornare alla data del contratto, aprile. Ora è più difficile, ma lo dobbiamo fare per la città che soffre. Sono stati stimati 6 milioni di perdite al giorno per la mancanza dell'infrastruttura e, quindi, siamo assolutamente convinti e motivati per cercare di limitare i giorni di ritardo il più possibile”. “Attualmente – aveva concluso – non abbiamo la data, perché dobbiamo vedere com'è la situazione dei conci e dobbiamo vedere come è la situazione dei collaudi”.
   

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.