MARTEDÌ 21 GIUGNO 2016, 18:30, IN TERRIS

GARLASCO, LA CASSAZIONE: "STASI COLPEVOLE OLTRE OGNI RAGIONEVOLE DUBBIO"

Confermata l'esclusione dell'aggravante crudeltà, come per Parolisi per l'omicidio di Melania Rea

AUTORE OSPITE
GARLASCO, LA CASSAZIONE:
GARLASCO, LA CASSAZIONE: "STASI COLPEVOLE OLTRE OGNI RAGIONEVOLE DUBBIO"
Alberto Stasi è colpevole oltre ogni ragionevole dubbio. E' quanto affermato dalla Corte di Cassazione nelle motivazioni della condanna di Stasi per l'omicidio della fidanzata Chiara Poggi, avvenuto a Garlasco il 13 agosto del 2007. Secondo i giudici, nonostante l'andamento delle indagini non fu "limpido", ma "caratterizzato anche da errori e superficialità", l'allora studente della Bocconi "agì con dolo d'impeto e senza alcuna programmazione preventiva".

La prima sezione della Cassazione, il 12 dicembre dello scorso anno, ha confermato la condanna a 16 anni, respingendo il ricorso di Stasi e quello del pg di Milano che chiedeva proprio il riconoscimento dell'aggravante di crudeltà. A quest'ultimo proposito, i giudici citano il principio fissato nel processo a Parolisi per l'omicidio di Melania Rea. Stasi - scrivono i giudici - ha agito senza la volontà di "infliggere alla vittima sofferenze aggiuntive".

Inoltre, la Cassazione, scrive che "ciascun indizio risulta integrarsi perfettamente con gli altri come tessere di un mosaico che hanno contribuito a creare un quadro d'insieme convergente verso la colpevolezza di Alberto Stasi oltre ogni ragionevole dubbio". Per la Corte Chiara Poggi fu uccisa da "un rapido susseguirsi di colpi di martello al capo, sferrati all'ingresso dell'abitazione, con rabbia ed emotività".

Nelle motivazioni, un rapporto di 115 pagine redatte dal giudice Rosa Pezzullo, relatrice nel collegio presieduto da Mario Fumo, viene messo in rilievo il percorso logico sulla quale la corte d'appello di Milano ha fondato la condanna nel processo bis. Per i giudici, Stasi "ha reso un racconto incongruo, illogico e falso, quanto al ritrovamento del corpo senza vita della fidanzata". Come ad esempio l'omissione del possesso della bicicletta nera da donna, collegata alla descrizione delle due testimoni, le impronte dell'anulare del giovane sul dispenser del sapone, inoltre il possesso delle scarpe della stessa marca, nonché della taglia 42, come quella dell'aggressore. "Tale quadro - ne concludono i giudici - non lascia alcuno spazio a versioni alternative, dotate di razionalità e plausibilità pratica" e quelle proposte dalla difesa dell'imputato non sono "sostenibili".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'incendio al Cameron House Hotel in Scozia
SCOZIA

Fiamme in un hotel di lusso: 2 morti

Le fiamme hanno distrutto una grande porzione della struttura turistica
Incendio in una fabbrica in India
INCIDENTI SUL LAVORO IN INDIA

Mumbai, rogo in una fabbrica di dolci: 12 morti

Il calore sprigionato dal rogo ha causato un rapido cedimento di parte della struttura
Altero Matteoli
POLITICA IN LUTTO

Morto l'ex ministro Matteoli

Fatale un incidente all'altezza di Capalbio. Cordoglio nel mondo delle istituzioni
Pier Carlo Padoan
CASO BANCHE

Padoan: "Mai autorizzati colloqui dei ministri"

Il titolare del Mef: "Sugli istituti di credito la responsabilità è di via XX Settembre"
Luigi Di Maio
ELEZIONI

Di Maio apre alle alleanze

Il candidato premier M5s non esclude coalizioni: "Il 40% o governiamo con chi ci sta"
Marco Orsi e Luca Dotto
NUOTO | EUROPEI

Dotto, Orsi, Sabbioni: a Copenaghen brillano le stelle azzure

L'Italia vince la classifica per nazioni del torneo continentale di vasca corta con 959 punti
Un tunisino durante le proteste del 2011
PRIMAVERE ARABE

La Tunisia celebra la "rivoluzione dei gelsomini"

Sette anni fa scoppiava la rivolta che portò alla caduta di Ben Ali
I due presunti assassini: Raffaele Rullo e Antonietta Biancaniello
OMICIDIO LA ROSA

Il presunto killer: "Non sono stato io"

La madre ha dichiarato di aver fatto tutto da sola
Jacqueline de la Baume Dürrbach, Il cartone del Guernica esposto in Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, Roma
PICASSO

In mostra "Guernica icona di pace"

Alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018
Il Segretario del Pd Matteo Renzi
ELEZIONI

Renzi: "Il Pd sarà il primo partito"

"Boschi oggetto di un’attenzione spasmodica, si deve candidare"