SABATO 16 FEBBRAIO 2019, 03:48, IN TERRIS


CALABRIA

Fiamme a San Ferdinando, un morto

Terzo incidente in pochissimi mesi, situazione critica nel campo. Salvini: "Lo sgombereremo"

REDAZIONE
L'incendio a San Ferdinando, nel riquadro il 29enne Moussa
L'incendio a San Ferdinando, nel riquadro il 29enne Moussa
B

rucia ancora la tendopoli di San Ferdinando, in Calabria, dove un nuovo incendio di grandi proporzioni ha provocato la morte di un migrante, il 29enne senegalese Moussa Ba, alloggiato in una delle centinaia di baracche improvvisate innalzate nella spianata che accoglie gli extracomunitari che lavorano come braccianti per la raccolta degli agrumi. Una nuova tragedia che va ad aggiungersi alle tante già accadute in questo luogo che, giorno dopo giorno, vede accrescere il livello del suo dramma. Sulle cause dell'incendio sono in corso le indagini delle Forze dell'ordine ma, al momento, pare che il rogo possa essere stato provocato da uno dei tanti fuochi accesi nel campo per riscaldarsi. A ogni modo, i roghi a San Ferdinando sono tutt'altro che una rarità e, troppe volte, hanno risvolti tragici come nel caso di Suruwa Jaithe, il 18enne gambiano morto nella pira della sua baracca mentre riposava lo scorso 2 dicembre. Un mese dopo, l'1 gennaio 2019, un altro incendio aveva portato a sfiorare una nuova tragedia, con una quindicina di baracche andate a fuoco senza fortunatamente provocare nessuna vittima.


Salvini: "Lo sgombereremo"

Alle prime luci era stato previsto un vertice in Prefettura, fra prefetto e Polizia, allo scopo di prendere provvedimenti sul campo e sulla sua messa in sicurezza. Una prassi d'obbligo, necessaria ma fin troppe volte ripetuta dopo eventi drammatici che, a San Ferdinando, accadono con una tragica frequenza. Sulla vicenda è intervenuto anche il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, a fronte di una situazione estremamente complicata, a più ripresa lamentata dai migranti che trovano rifugio nel campo: "Sgombereremo la baraccopoli di San Ferdinando - ha detto il vicepremier -. L'avevamo promesso e lo faremo, illegalità e degrado provocano tragedie come quella di poche ore fa (un incendio con una vittima). Per gli extracomunitari di San Ferdinando con protezione internazionale, avevamo messo a disposizione 133 posti nei progetti Sprar. Hanno aderito solo in otto (otto!), tutti del Mali. E anche gli altri immigrati, che pure potevano accedere ai Cara o ai Cas, hanno preferito rimanere nella baraccopoli. Basta abusi e illegalità".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Migranti
LIBIA

Msf: "Emergenza malnutrizione nei centri per migranti"

Un pasto ogni 2-3 giorni: "La Libia non è un porto sicuro"
Lavorazione industriale del cuoio
LOCRI

Scoperta evasione fiscale da 10 mln di euro

Denunciati i legali rappresentanti di due società operanti nella concia del cuoio
Spaccio di droga
NAPOLI

Traffico di droga ed estorsioni, 11 arresti

I destinatari dei provvedimenti sono residenti tra Frattamaggiore e Frattaminore
Il bus incendiato a San Donato
L'ATTACCO

Bus incendiato: studenti ancora sotto choc

Buona parte degli alunni coinvolti non tornerà a scuola oggi. Sy sotto stretta sorveglianza
Auto di lusso
PORDENONE

Maxi truffa su auto di lusso: 835 persone raggirate

Decine di indagati. Eseguiti anche ingenti sequestri di immobili e valori in tutt'Italia
Tribunale

Chi ha buone orecchie intenda

La vicenda triste del capogruppo dei M5stelle al Comune di Roma insegna a tutti, ancora una volta, che non basta...