GIOVEDÌ 17 NOVEMBRE 2016, 002:30, IN TERRIS

Falsi permessi di soggiorno: 15 arresti e 83 indagati a Prato

Le ipotesi di reato sono associazione per delinquere, truffa aggravata all'Inps, induzione alla falsità ideologica commessa da Pubblico Ufficiale in atti pubblici, violazione alla normativa sul rilascio ed il rinnovo del permesso di soggiorno, oltre alle violazioni della normativa in materia di immigrazione clandestina

AUTORE OSPITE
Falsi permessi di soggiorno: 15 arresti e 83 indagati a Prato
Falsi permessi di soggiorno: 15 arresti e 83 indagati a Prato
E' stata rinominata "Colletti Bianchi" l'operazione che ha portato all'arresto di 15 persone, oltre che all'esecuzione di 19 misure interdittive, 83 indagati e 111 perquisizioni. Le misure sono state eseguite dalla Guardia di Finanza di Prato che ha impiegato 400 militari per la maxi operazione.

L'indagine nei confronti dei titolari e dipendenti di 2 studi di consulenza - lo studio Robbi, commercialista, e li studio Rosini, ragioniere - ha portato alla luce l'attività di una vasta organizzazione che, secondo quanto riferito dagli inquirenti, forniva documentazione falsa, a partire dalle buste paga, con le quali i cittadini immigrati, per la maggioranza cinesi, potevano così richiedere e ottenere il permesso di soggiorno.

Pesantissime le accuse nei confronti dei due studi professionali: associazione per delinquere, truffa aggravata all'Inps, induzione alla falsità ideologica commessa da Pubblico Ufficiale in atti pubblici, violazione alla normativa sul rilascio ed il rinnovo del permesso di soggiorno, oltre alle violazioni della normativa in materia di immigrazione clandestina. Inoltre, i titolari e alcuni dipendenti dei due studi, alcuni dei quali cinesi, avrebbero dato vita a un'attività di favoreggiamento alla permanenza in condizioni di illegalità di un elevato numero di cittadini extracomunitari, soprattutto cinesi.

Le assunzioni, che in molti casi sono risultate regolari, venivano mantenute in essere solo il tempo necessario per emettere le buste paga in prossimità delle scadenze dei permessi di soggiorno. Il presunto dipendente, una volta ottenuto il rinnovo del documento, o il ricongiungimento familiare, veniva licenziato ma continuava comunque a svolgere il suo lavoro in "nero".
Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
RIMINI

Anziani maltrattati, sequestrata casa di riposo

Arrestata la titolare della struttura
La sede della Bce
FRANCOFORTE

Bce, stop al Qe da gennaio e tassi fermi

Draghi: "Dati più deboli di quanto atteso. I bond in scadenza saranno reinvestiti"
Sala slot
CODACONS

Stop al proliferare delle sale slot in Puglia

La legge: "Divieto di esercizio in un raggio inferiore ai 500 metri dai siti sensibili"
Selattin Demirtas
TURCHIA

Demirtas contro i giudici: "Amici di Erdogan"

Respinta la richiesta di scarcerazione. L'ex leader filo curdo: "Vi allineate all'Akp"
GROSSETO

Quindici bimbi intossicati dal monossido di carbonio

Per alcuni di loro si è reso necessario il ricorso alla camera iperbarica
Soldatesse-bambine nelle Farc
ARGENTINA

Onu: "Proteggere coloro che difendono i diritti umani"

Coscientizzare la popolazione sull’importanza del rispetto e creare delle reti sociali
Il luogo dell'incidente
FRANCIA

Gilet Gialli: 23enne investito e ucciso da un camion

L’autista del mezzo pesante, 26 anni, è stato fermato e interrogato
Cristiani in Iran
IRAN

Arrestati più di 100 cristiani nell'ultima settimana

Secondo l'organizzazione Open Doors continua il clima di persecuzione ai danni della minoranza religiosa
SICILIA

Registrate tre scosse di terremoto in poche ore

L'epicentro individuato sulle Madonie, a Gangi
Omaggio alle vittime
ATTACCO A STRASBURGO

Il killer: "Vendetta per la Siria"

Chekatt lo avrebbe detto al tassista che lo ha accompagnato dopo l'attentato