MERCOLEDÌ 22 APRILE 2015, 004:01, IN TERRIS

EX NAZISTA ALLA SBARRA: E' INIZIATO IL PROCESSO CONTRO IL "CONTABILE" DI AUSCHWITZ

L'uomo, che oggi ha 93 anni è accusato di complicità nell'omicidio di 300mila persone

AUTORE OSPITE
EX NAZISTA ALLA SBARRA: E' INIZIATO IL PROCESSO CONTRO IL
EX NAZISTA ALLA SBARRA: E' INIZIATO IL PROCESSO CONTRO IL "CONTABILE" DI AUSCHWITZ
È iniziato, a settantanni dalla fine della Seconda Guerra mondiale, in Germania, a Luneburg – in Bassa Sassonia – il processo a Oskar Groening, definito il “ contabile ” di Auschwitz. L’accusa è quella di complicità nell'omicidio di 300mila persone. Groening, che oggi ha 93 anni, ha sempre dichiarato di non aver partecipato direttamente alle numerose uccisioni dei prigionieri del campo. Ma è anche vero che non aver mai negato il suo lavoro nel noto campo di concentramento, e ha sempre riconosciuto la disumanità delle atrocità compiute nei campi di sterminio nazisti. In particolare, ha espresso il desiderio di contrastare con i suoi racconti e le sue ammissioni, ogni tipo di negazionismo dell’Olocausto.

Nato nel 1921 a Brema da una famiglia molto nazionalista, Oskar Gröning è rimasto orfano della madre a 4 anni ed è stato cresciuto dal padre, che faceva parte dell’organizzazione paramilitare Der Stahlhelm per «la rigenerazione del popolo tedesco». A 18 anni Gröning ha aderito al Partito Nazionalsocialista dei Lavoratori Tedeschi (NSDAP) e un anno dopo è entrato a far parte delle Waffen SS, forza armata della Germania nazista nata nel marzo 1933 come braccio militare delle SS. A causa delle sue competenze contabili, nel 1942 venne inviato al campo di Auschwitz-Birkenau dove rimase per due anni: il suo compito era smistare i bagagli dei deportati, contare e classificare il denaro trovato tra i loro effetti personali e inviarlo a Berlino.

Ma “tramite le sue azioni aiutò il regime nazista dal punto di vista finanziario e sostenne la sua campagna sistematica di uccisioni”, ha affermato la procura di Hannover nell'atto d’accusa. Il legale di Groening, Hans Holterman ha però respinto queste accuse, affermando che il tipo di lavoro svolto dall’imputato nel campo di concentramento non lo rendeva un complice nelle uccisioni dei detenuti. Già Nel 1985 venne coinvolto come testimone a un processo. Le accuse contro di lui – che nel frattempo aveva raccontato la sua esperienza in un libro di memorie, in diverse interviste e anche in un documentario della BBC – vennero però giudicate insufficienti e il procedimento nei suoi confronti venne abbandonato.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Una partecipante al corteo pro migranti a Roma
ROMA

Corteo pro migranti: "Diritti senza confine"

Gli organizzatori: "Oltre 15 mila partecipanti"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau