Esposizione all'uranio ha seminato “morti e malattie”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:59

Sconvolgenti criticità” sono state scoperte nel settore della sicurezza e della salute sul lavoro dei militari “in Italia e nelle missioni all'estero, che hanno contribuito a seminare morti e malattie“. Lo rileva la relazione finale della Commissione parlamentare d'inchiesta sull'uranio impoverito, presentata oggi dal presidente Gian Piero Scanu. Nel mirino il “negazionismo” dei vertici militari e gli “assordanti silenzi generalmente mantenuti dalle Autorità di Governo”.

Nella relazione viene citata l'audizione di Giorgio Trenta, presidente dell’Associazione italiana di radioprotezione medica, che ha “riconosciuto la responsabilità dell’uranio impoverito nella generazione di nanoparticelle e micropolveri, capaci di indurre i tumori che hanno colpito anche i nostri militari inviati ad operare in zone in cui era stato fatto un uso massiccio di proiettili all’uranio“. Critiche anche alla magistratura penale, i cui interventi “non appaiono sistematici” a tutela della salute dei militari e dunque “nell’amministrazione della Difesa continua a diffondersi un deleterio senso d’impunità“.

“La presenza di amianto – si legge nella relazione della Commissione parlamentare – ha purtroppo caratterizzato navi, aerei, elicotteri. Tanto è vero che la Commissione d'inchiesta è giunta ad accertare che solo nell'ambito della Marina Militare 1.101 persone sono decedute o si sono ammalate per patologie asbesto-correlate“. Alessandro Marinaccio, Direttore del Renam (Registro nazionale dei mesoteliomi), audito il 19 ottobre 2017, ha detto: “Il picco dei casi di mesotelioma è presumibile sia nel periodo tra il 2015 e il 2020“.

“La Commissione ha dovuto constatare – si legge – l'esposizione a inquinanti ambientali in più casi nemmeno monitorati. Singolare è, inoltre, la scarsa conoscenza, ammessa dagli stessi vertici militari, circa l'uso in tali contesti di armamenti pericolosi eventualmente impiegati da Paesi alleati”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.