GIOVEDÌ 07 MAGGIO 2015, 15:45, IN TERRIS

ESPLOSIONE IN UNA FABBRICA DI FUOCHI D'ARTIFICIO IN INDIA: 10 MORTI

Secondo le forze dell'ordine il bilancio delle vittime potrebbe essere ben più alto

AUTORE OSPITE
ESPLOSIONE IN UNA FABBRICA DI FUOCHI D'ARTIFICIO IN INDIA: 10 MORTI
ESPLOSIONE IN UNA FABBRICA DI FUOCHI D'ARTIFICIO IN INDIA: 10 MORTI
Si è verificata nella tarda serata di ieri una forte esplosione in una fabbrica di fuochi d'artificio a Pingla, nel distretto di West Midnapore, nello stato indiano del West Bengala. La deflagrazione ha causato almeno dieci morti e sette feriti. Secondo alcune fonti locali però, il numero delle vittime sarebbe ben più alto di quello fino ad ora accertato. Alcune persone del luogo hanno testimoniato che nella fabbrica si producevano clandestinamente anche rudimentali ordigni esplosivi, ma dalle indagini della polizia locale non è emerso nessun elemento che potesse confermare la tesi. L'esplosione ha avuto una tale intensità da distruggere completamente la fabbrica e almeno 5 case nelle vicinanze.

L'India non è nuova a questo tipo di incidenti. Nel mese di marzo 2015 ha interessato sempre una fabbrica di fuochi di artificio nello stato centro meridionale indiano di Andhra Pradesh. L'esplosione aveva causato sei morti e nove feriti. Al momento dello scoppio all'interno dell'edificio - completamente distrutto dalla deflagrazione - lavoravano almeno 15 persone.

Ma anche nei primi giorni del mese di maggio, un incendio si era verificato sempre in una fabbrica di fuochi di artificio nel centro dell'India. In quel caso le vittime furono 15, mentre altri 4 lavoratori rimasero gravemente ustionati. In India la richiesta di fuochi d'artificio è petardi è molto alta perché vengono usati nelle feste e nei matrimoni. Ma i continui incidenti che si verificano nei luoghi di lavoro denotano i scarsi standard di sicurezza in cui le persone devono lavorare.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'accusa nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Donna abusata

Stupri: chi non condanna è complice

Un nuovo efferato stupro ai danni di una donna italiana. Legata con filo telefonico, è stata violentata ad Asti...
Emmanuel Macron durante il summit (foto di ansa.it)
CLIMA

Macron: "Stiamo perdendo la battaglia"

Il presidente francese ha aperto lo "One Planet Summit" di Parigi. "Non dobbiamo sbagliare"
Rex Tillerson
CRISI COREANA

Tillerson apre a Pyongyang

Il segretario di Stato: "Disponibili a colloqui ma serve un periodo di tranquillità"
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo