Emergenza maltempo: Cuneo sotto la neve

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:14

L'inverno è arrivato con venti giorni di anticipo sul calendario. Nevicate abbondanti hanno infatti ricoperto il basso Piemonte dove da oggi è scattato l’allarme arancione.

Piemonte

Nel cuneese è caduto oltre mezzo metro di neve. Precipitazioni intense anche nell’Alessandrino e nell’Astigiano. Tanti i disagi ai valichi di frontiera: il colle di Tenda e il valico internazionale della Maddalena sono stati chiusi e in montagna è allerta per il rischio valanghe. Le amministrazioni comunali hanno intanto attivato i piani di emergenza: chiuse le scuole a Cuneo, Borgo San Dalmazzo, Mondovì e nei comuni più piccoli delle zone di montagna.

Anche Torino questa mattina si è svegliata imbiancata. Nel capoluogo sono scesi solo pochi centimetri che si sono sciolti in parte lungo l'arco della giornata. Diversamente è andata nelle colline intorno alla città piemontese, ricoperte da 20 cm di manto nevoso. I mezzi sono al lavoro da stamattina all'alba per ripristinare i collegamenti.

Secondo le previsioni di Arpa Piemonte, l’Agenzia regionale per l’Ambiente, il ritorno del sereno domenica porterà un brusco calo delle temperature con diffuse gelate e pericolo di strade ghiacciate in tutta la regione.

Italia

Se al nord le temperature saranno gelide, al centro sud arriverà da domani la neve: secondo Il Meteo, infatti, il maltempo colpirà le regioni centrali e parte di quelle meridionali nelle prossime ore. La bassa pressione che Venerdì 1 Dicembre ha fatto il suo ingresso nel Mar Ligure si sposterà nel corso del weekend sul mar Tirreno e quindi sull'Adriatico. Inoltre, attesi venti forti di Bora in arrivo al Nordest e a circolazione ciclonica al Centro-Sud con temperature in calo su tutte le regioni. Benvenuto inverno!

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.