Ecco dove sono nate le prime tartarughe della stagione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:16

E' un lido in provincia di Reggio Calabria la culla dove sono nate le prime tartarughe della stagione. L'evento si è verificato a Brancaleone, in località San Giorgio, dove ben 35 uova di tartaruga Caretta caretta si sono schiuse. Il nido era stato localizzato lo scorso 12 giugno dal personale della Onlus Caretta Calabria Conservation, durante il pattugliamento della costa. L'emersione delle tartarughe continuerà nelle prossime notti. A accogliere i turisti che vorranno assistere a quello che oramai è un evento che caratterizza la Costa dei Gelsomini, e a sorvegliare sull'incolumità delle tartarughine, ci sarà un gruppo di volontari proveniente da tutta Italia, oltre al personale specializzato di Caretta Calabria Onlus. 

La Caretta caretta

La tartaruga Caretta caretta o tartaruga comune, è la tartaruga più comune del mar Mediterraneo. La specie è diffusa in molti mari del mondo ma è fortemente minacciata in tutto il bacino del Mediterraneo ed è ormai al limite dell'estinzione nelle acque territoriali italiane. Le Caretta caretta, alla nascita sono lunghe circa 5 centimetri, mentre un esemplare adulto può arrivare a misurare 80-140 centimetri, con una massa variabile tra i 100 e i 160 chilogrammi. La testa è grande, con il rostro molto incurvato. Gli arti sono molto sviluppati, specie gli anteriori e muniti di due unghie negli individui giovani che si riducono ad una negli adulti. Il carapace è di colore rosso marrone, striato di scuro nei giovani esemplari, e un piastrone giallastro, a forma di cuore, spesso con larghe macchie arancioni, dotato di due placche prefrontali ed un becco corneo molto robusto. Sono animali onnivori: si nutrono di molluschi, crostacei, gasteropodi, echinodermi, pesci e meduse, ma nei loro stomaci è stato trovato di tutto: dalle buste di plastica, probabilmente scambiate per meduse, a tappi ed altri oggetti di plastica, ami scambiati per pesci, reti e fili scambiati per alghe.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.